Salute

Varese, “oltre il pensiero”, presentato un libro nato da un percorso di cura

 

Da sinistra Nadia Tortoreto e Silvana Rabuffetti

Da sinistra Nadia Tortoreto e Silvana Rabuffetti

Un percorso di cura e di riscoperta di sè che si è tradotto in un libro. Lo hanno presentato alla Galleria Arte Armanti di Varese le due autrici, Nadia Tortoreto e Silvana Rabuffetti. Il volume, dal titolo “oltre il pensiero”, racconta un percorso intrapreso dalla Rabuffetti in seguito ad una perdita dolorosa, non “sotto la guida”, ma in dialogo con la sua psicoterapeuta, Nadia Tororeto. Un dialogo fitto, un rapporto che si sviluppa nel tempo e che dà vita a quello che in prima pagina viene definito “romanzo”. Un’opera letteraria, insomma, scaturito da quello che con espressione assai efficace la Tortoreto ha definito “un percorso empatico”.Come ha spiegato la Tortoreto presso la galleria di via Avegno, si tratta di un “romanzo psicologico-filosofico”, che racconta “un percorso analitico basato sull’inconscio” e che aveva per obiettivo l’elaborazione di un lutto. Un obiettivo non scontato ai nostri giorni, quando, ha rimarcato la psicologa, “è molto difficile parlare e prendere coscienza di temi come la morte e la perdita: di una persona cara, del lavoro, di una condizione di vita”.

Passo passo, il percorso è andato avanti. E questo grazie al fatto che psicoterapeuta e paziente hanno interrogato ed elaborato le immagini giunte dall’inconscio. “L’inconscio – ha detto la Tortoreto – contiene un’enorme potenzialità di emozione ed immagini. Le risorse sono già in noi, occorre solo farle uscire e sfruttarle per il nostro bene”.

Come ha sottolineato la Rabuffetti, insegnante nella scuola primaria varesina, “gli incontri con le persone non sono mai casuali, come nel mio caso rispetto a Nadia”. Per la Rabuffetti “il potere dell’immaginario c’è e se messo in atto al momento giusto, produce risultati e aiuta”. Nel volume si racconta un percorso e un rapporto dal valore positivo: come lo definisce la Rabuffetti “un percorso che salva”.

26 ottobre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi