Varese

Varese, pratiche stranieri più celeri con l’accordo tra Questura e Notai

Il questore sottoscrive il protocollo d'intesa con i Notai

Il questore sottoscrive il protocollo d’intesa con i Notai

Presentato alla Questura di Varese il Protocollo d’intesa tra la stessa Questura e il Consiglio Notarile di Milano, Busto Arsizio, Lodi, Monza e Varese e Federnotai Lombardia, che ha per oggetto una collaborazione relativa ad atti e negozi giuridici tra i cittadini stranieri regolari sul territorio italiano e gli enti firmatari del Protocollo.

Erano presenti, oltre al questore di Varese Francesco Messina, per il Consiglio Notarile di Milano , Busto Arsizio, Lodi, Monza e Varese il presidente Arrigo Roveda e, per Federnotai Lombardia, il presidente Domenico Chiofalo.

Come ha spiegato il questore Messina, “questo accordo semplifica e rende più celeri le attività di accertamento in caso di richiesta, da parte di cittadini stranieri regolari, di atti come passaggi di proprietà di immobili o inizi di attività economiche”. Infatti il protocollo, che è già stato sperimentato con successo a Milano, Como e Lecco, consente ai notai di ricevere celermente delle risposte dall’Ufficio immigrazione relative alla posizione, nel caso della provincia di Varese, dei 44 mila stranieri regolari.

E’ stato sottolineato dai rappresentanti dei notai che l’intesa siglata oggi in Questura a Varese consente di semplificare la vita dei cittadini stranieri. L’identità e la posizione di regolarità non richiedono più file interminabili, ma un rapporto telematico con la Questura. Un modo, dicono i notai, che oltre ad accelerare i tempi, consente di agevolare ulteriormente l’integrazione dei cittadini stranieri.

10 ottobre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA