Varese

Varese, la Faimarathon scopre la città razionalista in otto tappe

 

Il palazzo della Camera di commercio di Varese

Il palazzo della Camera di commercio di Varese

Una visita guidata ai principali palazzi realizzati a Varese negli anni Trenta. A questo si dedica il Fai Delegazione di Varese domenica 13 ottobre con partenza da piazza Monte Grappa alle ore 9.30. Un’architettura che si originò da un milieu storico preciso, il fascismo, in cui presero corpo quei palazzi. Lo stile evocato dai rappresentanti del Fai è stato quello “razionalista”, termine certamente corretto, ma che può risultare incompleto se non collocato storicamente.

L’iniziativa cade nella manifestazione, che riguarda 90 città italiane, dal titolo “Faimarathon 2013″, che un arguto sottotitolo definisce “l’unica maratona che si corre con gli occhi”. A Varese l’iniziativa è stata patrocinata dal Comune, e vedrà impegnati, come è consuetudine, anche i volontari del Fai. Presente l’assessore alla Cultura Longhini, Luciano Del Grossi , capodelegazione di Varese, ha ricordato che “si tratta di un’iniziativa che punta a raccogliere fondi per sostenere il territorio di riferimento”.

Ma perchè proprio la scelta di rivolgere attenzione e tempo ai palazzi sorti negli anni Trenta? “Certo, ci siamo posti il problema che stavamo parlando di un’epoca come quella fascista – dice la Piatti -, ma è anche vero che, al di là del Liberty, che è stato spesso al centro dell’attenzione, l’architettura degli anni Trenta, razionalista, è certamente l’altra grande tendenza che si afferma sul nostro territorio, una tendenza non adeguatamente studiata”. Dunque una rivisitazione che, tra architettura e storia, aiuterà i varesini a conoscere meglio la loro città.

Ecco le 8 tappe della città visitate con la guida di Marco Tamborini: piazza Monte Grappa, Palazzo delle Poste, Casa del Mutilato (ex Rivoli), Palazzo di Giustizia, Palestra dei Pompieri, Questura, Palazzo Asl, Camera di commercio. Come è stato ricordato, ci sarebbe anche l’ex ospedale psichiatrico, ma risulta un po’ troppo distante dal centro.

A tutti i partecipanti (sei euro la quota singola) un simpatico kit contenente zainetto, pettorina, un magnete e una cartolina.

9 ottobre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi