Varese

Varese, il poeta Scotto presenta “La Grecia è morta” alla Libreria del Corso

Il poeta Fabio Scotto

Il poeta Fabio Scotto

Un testo di drammatica attualità, che con i suoi versi si sofferma su una crisi che sta investendo il vecchio Continente. Parliamo dell’ultima fatica letteraria di Fabio Scotto “La Grecia è morta e altre poesie”, pubblicato nelle eleganti edizioni Passigli Poesia. Il poeta varesino d’adozione ha cercato nelle pagine di questo volume di fare i conti con un grande Paese, culla della nostra cultura, di noi stessi, che oggi viene condannata solo dal punto di vista di bilanci e Spread.

Il volume di Scotto sarà presentato a Varese, venerdì 18 ottobre, alle ore 18, presso la Libreria del Corso. Una presentazione che vedrà la presenza dell’autore, che in questi giorni si trova in Quebec per rappresentare il nostro Paese in un’importante rassegna culturale internazionale, e sarà affiancato dal poeta ed editore Dino Azzalin.

Da ricordare che Azzalin ha dedicato al volume dell’amico Scotto una bella recensione che è stata pubblicata dal settimanale del quotidiano La Prealpina, “Lombardia oggi”, nel numero uscito il 22 settembre.

8 ottobre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti a “Varese, il poeta Scotto presenta “La Grecia è morta” alla Libreria del Corso

  1. Jane Bowie il 9 ottobre 2013, ore 13:44

    Una valida presentazione venerdì 18 ottobre ore 18 alla Libreria del Corso e… una valida presentazione alla Feltrinelli dietro l’angolo venerdì 18 ottobre ore 18… Sarebbe un sogno utopistico che le due librerie riuscissero a comunicare tra di loro se non altro per non fregarsi a vicenda quei 4 gatti che vanno alle presentazioni…? :-/

  2. a.g. il 9 ottobre 2013, ore 15:18

    Hai ragione…ma credo che non ci sia molta comunicazione su questo fronte…

  3. giovanni Zappalà il 10 ottobre 2013, ore 01:02

    Non penso che il bravo Scotto abbia il dono dell’ubiquità.

  4. Jane Bowie il 10 ottobre 2013, ore 13:02

    No infatti Giovanni, il buon affidabile Scotto se dice che sarà lì sara LI’, il problema è la non ubiquità e la mancanza di Tardis della sottoscritta che con tutta la buona volontà non riesce a presenziare a due presentazioni in contemporanea di persone non solo validi e bravi scrittori ma anche buoni amici… :-(

  5. a.g. il 10 ottobre 2013, ore 15:12

    Grande Jane…

  6. ombretta diaferia il 10 ottobre 2013, ore 20:03

    deviazioni della concorrenza…
    invece di collaborare per una cultura più attiva ci si attiva nella competizione…
    dai jane che tu almeno hai la gamba lunga!
    io cortin cortina alle 18 del venerdì è già tanto se sto per finir la settimana lavorativa…
    un saluto al poeta della città!

Rispondi