Gallarate

Gallarate, al Condominio 20 spettacoli. Confermata sinergia pubblico-privato

Il Teatro Condominio di Gallarate

Il Teatro Condominio di Gallarate

Nuova stagione teatrale al Condominio di Gallarate. Dopo il primo biennio, partito in ritardo. ora la società Albachiara si appresta a gestire il bel teatro gallaratese per altre due stagioni. Venti le proposte in cartellone, anche se, assicurano gli organizzatori, in corso d’opera se ne aggiungeranno altre, come del resto già è accaduto lo scorso anno, che si è chiuso con numeri interessanti: per 35 spettacoli messi in scena, sono stati circa 10 mila i biglietti venduti. Come dice il direttore artistico del teatro, Filippo De Sanctis, che è anche direttore del Teatro di Varese, “il teatro è stato definitivamente risollevato, lo possiamo dire dopo 18 mesi di gestione”. “Qui c’è un teatro gestito dal privato, che viene sostenuto dal Comune – continua De Sanctis – con una sinergia rispetto alla quale c’è stato qualcuno che voleva fare marcia indietro. Ma il Comune ha tenuto duro”.

Non solo sinergia tra privato e pubblico, ma anche sinergia tra teatri diversi, ognuno dei quali, qui a Gallarate, segue una propria vocazione, una propria storia. “Un modello che funziona, quello della sinergia, un modello cercato consapevolmente e che il Comune intende sviluppare in futuro”, sottolinea l’assessore alla Cultura Sebastiano Nicosia. Infatti nessuna sovrapposizione, nessuna concorrenza tra i vari palcoscenici: esemplare il caso della prosa, che a Gallarate viene proposta al Delle Arti e non dal Condominio che ha fatto altre scelte. Un diverso orientamento rispetto a Varese, che si spiega anche con la diversa presenza del Comune, che a Gallarate pare più interessato a garantire che non avvengano sovrapposizioni. Come rimarca Miguel Dell’Acqua, patron di Albachiara, “abbiamo voluto fare una programmazione a 360 gradi, comunque un cartellone diverso da quello del Delle Arti, un teatro che da tanti anni garantisce cartelloni di qualità”.

Dunque tante proposte diverse, che guardano alla qualità, ma che cercano di svincolarsi dai luoghi comuni. Ci sarà un Enrico Bertolino a Capodanno, viene confermata una robusta programmazione che guarda ai più piccoli, una brillante Francesca Reggiani per l’otto marzo festa della donna, una serie di proposte legate alla danza (classica e non), alcuni musical dove spicca il nome del mito-Manuel Frattini, un eccezionale Cabaret Yiddish, che il grande Moni Ovadia presenta in forma inedita per celebrare i vent’anni dello spettacolo.

Per conoscere gli spettacoli, le date e i prezzi clicca qui http://www.teatrocondominio.it/stampa/Teatro%20Condominio%20-%20Cartella%20stampa%202013.pdf

 

 

 

 

 

7 ottobre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi