Politica

Berlusconi decade dopo riunione di 5 ore. La parola all’Aula

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

La Giunta per le elezioni del Senato ha votato a maggioranza la decadenza di Silvio Berlusconi da senatore, a seguito della condanna definitiva per frode fiscale. L’annuncio è stato dato dal presidente Dario Stefàno attorno alle 16,30, dopo una camera di consiglio di oltre cinque ore.

La parola passa ora all’Aula di Palazzo Madama che dovrà ratificare la proposta. La seduta pubblica, prima della camera di consiglio, era durata meno di un’ora .

Diversi gli atteggiamenti delle varie forze politiche. Nonostante le recenti spaccature, sulla questione della decadenza del Cavaliere il Pdl era unito a sostenere la non applicabilità della legge Severino sulla non eleggibilità dei condannati,perché al momento in cui  fu commesso il reato quelle norme non erano ancora in vigore; favorevoli alla decadenza il centrosinistra e il Movimento 5 Stelle.

Giustamente il Movimento 5 Stelle ha chiesto che l’Aula voti a scrutinio palese.

4 ottobre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Berlusconi decade dopo riunione di 5 ore. La parola all’Aula

  1. Ombretta Diaferia il 4 ottobre 2013, ore 17:08

    metto mi piace anche se mi chiedo se si debba ancora dimostrare quanto l’Italia sia tollerante…

  2. Giovanni dotti il 5 ottobre 2013, ore 19:07

    Quanti azzeccagarbugli in pista per cercare di salvare un evasore fiscale già’ condannato in 3′ grado con probabili altre prossime condanne future! Riformiamo la Giustizia, ma non come vorrebbe il Berlusca, e guardiamo allo SPIRITO DELLE LEGGI, non ai cavilli per aggirarle.

Rispondi