Varese

Parte da Verdi la nuova stagione teatrale di Paolo Franzato

Paolo Franzato

Paolo Franzato

Inizia con l’omaggio a Giuseppe Verdi la lunga e intensa stagione teatrale 2013/14 del regista-pedagogo Paolo Franzato. L’evento lirico organizzato dall’Associazione Reatium dal titolo “Note Verdiane sul Tresa”, in celebrazione del secondo centenario della sua nascita, si svolgerà nel Teatro Polivalente in Via Statale Varesina a Lavena Ponte Tresa (Va), sabato 5 ottobre 2013 alle ore 20.30.

In scena protagonisti di fama internazionale, quali il Baritono Sergio Bologna, Bianca Tognocchi (Soprano), Eva Corbetta (Soprano), Elisa Bartoli (Soprano), Vladimir Reutov (Tenore), Daniele Piscopo (Baritono e Direttore Artistico dell’evento), Elia Tagliavia al Pianoforte e Stefano Cropanese direttore del Coro. Paolo Franzato riveste i molteplici ruoli di coordinatore, promotore, presidente della giuria delle opere artistiche realizzate dalle scuole e co-presentatore. Aleksandra Damnjanovic leggerà sue poesie inedite scritte ispirandosi ai brani che verranno cantati durante la serata.

Il regista pedagogo varesino condurrà da mercoledì 9 ottobre 2013 il laboratorio “Porto Teatro”, il per-corso di formazione teatrale rivolto agli adulti con sede a Porto Ceresio (Varese) giunto alla quinta edizione. Dopo un secolo e anche oltre quanto abbiamo imparato dai Padri Fondatori del XX secolo? Quanto ancora la cultura teatrale italiana è lontana dalle rivoluzioni e dalle riforme dei grandi visionari che hanno cambiato per sempre il lavoro dell’attore? Quanto l’idea diffusa del fare teatro è ancora impregnata di vecchi, ammuffiti e logoranti stereotipi e maledetti luoghi comuni? Quali sono i limiti antropologici, psicosociali, culturali che non hanno consentito in questi ultimi decenni, e non permettono ancora oggi, un legittimo ed ampio consolidamento dei principi e della cultura teatrale del ’900? Il Teatro può ancora essere il luogo necessario per oggettivare le utopie, la rivoluzione culturale, la formazione di un nuovo essere umano? Da questi precisi quesiti parte e si sviluppa il programma del laboratorio che prevede un percorso sul lavoro dell’attore nel Teatro contemporaneo, inerente metodi e stili del teatro di ricerca e di sperimentazione. Gli esercizi saranno rivolti al training psicofisico, alle tecniche corporee e vocali, alle improvvisazioni teatrali. Le tecniche di riferimento sono assunte dal teatro corporeo, teatro coreografico, mimo, butoh, con uno studio teorico e pratico dei principi della Pedagogia Teatrale e dell’Antropologia Teatrale. Il lavoro su se stessi, sul gruppo, sulle relazioni sceniche, sulla Persona, sull’essere Attore e sul Personaggio. Esercizi di allestimento, composizione e montaggio scenico. La pedagogia del laboratorio, sulla scia della lezione dei grandi Padri Fondatori del teatro del XX secolo, è quella di affrontare un Teatro dove si impara a non recitare, ma si cerca di Essere, veri e autentici, per ricercare la realtà.

Le lezioni si svolgeranno con frequenza settimanale nei mercoledì sera dal 9 ottobre al 4 dicembre 2013, presso la Sala Polifunzionale e la Sala “Luigi Mocellin” a  Porto Ceresio in Piazzale Luraschi, col patrocinio del Comune di Porto Ceresio.

Dopo l’entusiasmante esperimento dello scorso anno, Paolo Franzato condurrà da venerdì 15 ottobre, per il secondo anno consecutivo, un seminario propedeutico al teatro per un gruppo di studenti di ben cinqueLicei varesini: Scientifico, Artistico, Classico, Linguistico e Scienze Umane.

L’iniziativa, organizzata e svolta presso Filmstudio90 in raccordo con le relative scuole, oltre a proporre una solida formazione di base artistica e pedagogica garantita dalla vasta competenza teatrale di Franzato, è anche una occasione preziosa per gli studenti per incontrarsi, conoscersi, frequentarsi, sperimentarsi, confrontarsi, condividendo e scambiando le esperienze. Gli incontri termineranno nel mese di dicembre.

 

 

3 ottobre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi