Politica

Letta in Senato: “l’Italia corre rischio fatale”. Divorzio nel Pdl

Enrico Letta

Enrico Letta

Il governo Letta in bilico. Anche se ci sono 23 firmatari di una mozione a sostegno dell’esecutivo, provenienti dal Pdl e Gal. Come ha detto il Pd Franceschini “una nuova maggioranza”. Sta di fatto che il centrodestra sta esplodendo. Ormai il Pdl è spaccato e i dissidenti, guidati dal segretario Alfano, sono pronti a salvare il governo. Costituendo, peraltro, anche un nuovo gruppo parlamentare.

Enrico Letta ha chiuso il suo discorso sulla fiducia con una citazione finale di Benedetto Croce: “Ciascuno di noi ora si ritiri nella sua profonda coscienza e procuri di non prepararsi, col suo voto poco meditato, un pungente e vergognoso rimorso”. Parole che chiudono un intervento nel quale il premier mette al centro la necessità che il Paese ha di un esecutivo stabile.

In apertura Letta aveva citato anche Luigi Einaudi. “L’Italia corre un rischio che potrebbe essere fatale – afferma il premier -, sventare questo rischio dipende da noi, dalle scelte che assumeremo, dipende da un sì o un no”.

2 ottobre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi