Sport

Si chiude Giro d’Italia di HandBike. Comi (Pdl): lo “esporterò” a Bruxelles

L'europarlamentare Pdl Lara Comi

L’europarlamentare Pdl Lara Comi

Il 29 settembre si chiude la quarta edizione del Giro d’Italia di HandBike. Una manifestazione partita in marzo da Roma ed è proseguita con le tappe di Cuneo, San Pellegrino Terme (Bergamo), Pavia, Somma Lombardo (Varese), Repubblica di San Marino, Chiavari (Genova), San Martino di Lupari (Padova) per concludersi il 29 settembre a Firenze, in corrispondenza con i Campionati Mondiali di ciclismo. La manifestazione ha il supporto, tra gli altri, dell’Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e della Fondazione Telethon.

“Questa manifestazione – dichiara l’europarlamentare del Pdl Lara Comi - ha riscosso grande entusiasmo e successo di pubblico in diverse regioni, dalla Lombardia al Piemonte alla Liguria. Un segnale importante di solidarietà e di sensibilità che onora il senso alto dello sport che è quella della crescita, della sfida per superare ogni limite, fisico o mentale. Credo fermamente in questa iniziativa tanto che cercherò una sponda in Europa per dare maggiore appeal in vista della prossima edizione nel 2014. Nei giorni scorsi ho avuto un incontro con Maura Macchi e Andrea Leoni, presidente e patron del Giro, allo scopo di instaurare un proficuo rapporto con il Parlamento Europeo”.

“Per questa edizione ‒ sottolinea ancora la Comi ‒ ho voluto dare un piccolo segnale. Tre atleti e due accompagnatori che parteciperanno alla Finalissima di Firenze del Giro d’Italia di HandBike verranno premiati con una visita al Parlamento europeo nei primi mesi del 2014. Se ognuno porta il suo contributo, insieme si possono fare grandi cosi e questa bella iniziativa può crescere e superare i confini italiani”.

 

27 settembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi