Milano

Milano, convention Forza Italia, Cattaneo: “mai subalterni alla Lega”

Raffaele Cattaneo

Raffaele Cattaneo

“Siamo chiamati a un tempo di resistenza e di forza: noi non molliamo perché ci crediamo – lo ha detto Raffaele Cattaneo, Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, intervenendo all’incontro ‘Le ragioni del nostro impegno a sostegno del Presidente Berlusconi’ che si è svolto a Milano in via Corridoni -. Crediamo nei nostri ideali,  nei nostri valori, nei nostri contenuti: noi, a differenza di altri, non dobbiamo andare dal rigattiere della storia. Come nel 1994, continuiamo a credere che la persona venga prima dello Stato, che i nostri valori fondanti siano la difesa della vita, la famiglia fondata dall’unione tra uomo e donna, la libertà di fare impresa”.

Cattaneo ha aggiunto: “crediamo in una certa idea di partito: vogliamo un partito con le radici salde nel territorio, che parta dal basso, premi il merito, abbia le porte e le finestre spalancate, senza  ”portinai” che decidano chi può prendere l’ascensore e chi deve prendere sempre le scale”. Infine il Presidente ha lanciato un appello al vicepresidente Mantovani a “difendere il lavoro fatto” in Regione Lombardia, a “non arretrare mai dai principi di sussidiarietà e di libertà di scelta dei cittadini” alla base del modello lombardo di governo e a “non diventare mai subalterni alla Lega”.
“Se qualche assessore leghista – ha concluso Cattaneo – pensa di stare meglio in compagnia dei 5 Stelle anziché del PDL o di Forza Italia si faccia dare da loro i voti per approvare i suoi provvedimenti”.

21 settembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi