Luino

Luino, l’Editto di Costantino dopo 1700 anni. Una mostra a Palazzo Verbania

Il volto dell'imperatore in una statua

Il volto dell’imperatore in una statua

Una mostra che fa il punto su un evento di svolta nella storia dell’Occidente. Si tratta di “313: l’Editto di Milano. Da Costantino ad Ambrogio,un cammino di fede e libertà”, una mostra itinerante da sabato 28 settembre a venerdì 11 ottobre presso gli spazi di Palazzo Verbania a Luino.

Al vernissage, sabato 28 settembre alle ore 10, interverranno Andrea Spiriti, Professore Associato di Storia Sociale dell’ Arte e Comunicazione Artistica presso l’ Università degli Studi dell’ Insubria di Varese. Presenti anche Luca e Paolo Tanduo, curatori della mostra. Modererà il confronto il consigliere comunale Alessandro Franzetti.

Un evento legato al fatto che ricorre quest’anno l’anniversario del famoso Editto di Milano con il quale l’Imperatore Costantino (306-337) riconobbe la libertà di culto alla religione cristiana. Era il febbraio del 313. Da allora sono trascorsi 1.700 anni.

“Sono contento che anche la Città di Luino ricordi l’ importante anniversario del 313 d. C. anno in cui venne sancita la libertà religiosa nell’ Impero Romano grazie all’ Imperatore Costantino. – commenta il consigliere comunale Alessandro Franzetti -. La libertà religiosa è uno dei cardini delle moderne democrazie e non dobbiamo mai pensare che sia un dato acquisito. Come tutte le libertà, esse vanno conquistate e difese giorno dopo giorno. Ringrazio il professor Spiriti e i curatori della mostra Luca e Paolo Tanduo, responsabili del centro culturale cattolico San Benedetto”.

La mostra ospitata a Luino ed organizzata dalla Città di Luino, dagli Amici del Liceo, dal Liceo “Sereni” e promossa dal Centro Culturale Cattolico San Benedetto. La mostra è composta da 34 pannelli con un percorso molto interessante che verrà esposto ai liceali durante la presentazione. Alcuni studenti del liceo in alternanza scuola-lavoro, si rendono disponibili per un servizio di visite guidate alla mostra .

Per offrire un lavoro valido dal punto di vista culturale e scientifico, è stato formato un comitato scientifico che ha guidato e supervisionato quanto prodotto e esposto. Fanno parte della commissione scientifica: il Professor Alberto Torresani, docente della Pontificia Accademia di Santa Croce e autore del testo “Storia della Chiesa. Dalla comunità di Gerusalemme a Benedetto XVI”; Giacomo Samek Lodovici, docente di Storia delle dottrine morali presso l’Università Cattolica di Milano, dove ha conseguito il dottorato in Filosofia e dove ora svolge attività di Ricercatore in Filosofia morale; S.E. Mons. Mario Delpini. Vicario Generale della Diocesi di Milano. Hanno collaborato all’iniziativa mettendo a disposizione immagine e materiale fotografico i seguenti musei: Civico Museo Archeologico di Milano; Soprintendenza dei Beni Culturali Regione Friuli Venezia Giulia; Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Arezzo; Fondazione “Società per la Conservazione della Basilica di Aquileia”; Padri Rosminiani del Sacro Monte Calvario di Domodossola; Museo Diocesano di Novara; diverse parrocchie di diverse città e località.

21 settembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi