Varese

Varese, Traviata col botto quella proposta da Claudia Donadoni

L'attrice Claudia Donadoni

L’attrice Claudia Donadoni

Pur dovendo ripiegare, per ragioni di meteo, su un allestimento all’interno di Villa Recalcati, abbandonando i Giardini, lo spettacolo allestito da Arcobaleno Teatro dal titolo “Traviata” è stato davvero una sorpresa. Uno spettacolo teatrale organizzato da Provincia di Varese e Agenzia del Turismo, uno dei due omaggi ai varesini a conclusione dei Mondiali Masters di Canottaggio (il secondo sarà lo show case di Davide van de Sfroos), in turné da un anno, che ha richiamato nella sede della Provincia così tanto pubblico da fare restare in piedi parecchi spettatori.

Uno spettacolo in stile scatole cinesi (o matrioska russa), ma anche con molte cose da dire sul piano della psicologia, con una divaricazione o sdoppiamento tra le due protagoniste: la Margherita del dramma di Alexandre Dumas figlio, “La Signora dalle camelie”, e Violetta, la protagonista dell’opera “La Traviata” di Giuseppe Verdi. Nello spettacolo il drammone ottocentesco su una fanciulla perduta che si innamora di un giovane perbene e che, al momento del coronamento del suo sogno d’amore, muore di “mal sottile”, si intreccia con l’opera lirica, “La Traviata”, di Verdi. Il bicentenario della nascita di quest’ultimo sta all’origine di questo spettacolo. Ma c’è anche un ulteriore fiume carsico che corre nello spettacolo: la vita privata del Cigno di Busseto (come veniva chiamato Verdi), nel momento del suo rapporto con Giuseppina Strepponi. Tre piani che si intersecano e rinviano uno all’altro, con l’effetto di rendere lo spettacolo vivace e ricco di sviluppi. Ad elaborare il testo la direttrice di Arcobaleno Teatro e regista dello spettacolo, Silvia Donadoni.

Ma il cuore pulsante dello spettacolo, la sua protagonista assoluta è l’attrice Claudia Donadoni. Una interprete inappuntabile: senza mai calcare i toni, senza enfatizzare, ma con equilibrio e tempi perfetti, la Donadoni dona al pubblico un personaggio romantico e modernissimo, capace di cogliere quel dominio dei sentimenti che ben si attaglia a questa era senza ideologie. Ad affiancare l’attrice, che avevamo già apprezzato come ottima conduttrice del Premio Chiara, una serie di attori tutti credibili e applauditi: Roberto Aielli, Alessandro Dinuzzi, Sergio Stefini, Valentina Tropiano. Massimiliano Travagliati ha offerto, nell’intervallo, le note verdiane dell’opera, accompagnato dal vivo dal maestro Giovanni Bataloni.

Al termine della rappresentazione è salita sul palco Paola Della Chiesa, direttore dell’Agenzia del Turismo, che ha ringraziato Claudia Donadoni, rimarcando come personalità del nostro territorio siano capaci di offrire proposte di grande qualità come questa bella “Traviata”.

9 settembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi