Roma

Roma, Papa Francesco: ricordare il Cardinal Martini “è un atto di giustizia”

Papa Bergoglio

Papa Bergoglio

Parole di peso quelle pronunciate da Papa Francesco per ricordare il cardinale Carlo Maria Martini, di cui domani, 31 agosto, cade il primo anno dalla morte del presule, avvenuta a Gallarate. Martini, per Papa Bergoglio, è stato “un padre per tutta la Chiesa”, “profeta e uomo di discernimento e di pace”. Poi le parole più decisive: ricordare Martini – ha continuato il Pontefice – “è un atto di giustizia”. Parole pronunciate da papa Francesco oggi, in occasione dell’incontro, in Vaticano, con la neonata Fondazione intitolata a Martini.

Una Fondazione nata a Torino (la città del cardinale), che vede la sorella Maris Martini e la nipote Giulia Facchini, grandi animatrici del progetto, una Fondazione come strumento per ”la promozione di percorsi di studi biblici per i giovani sacerdoti gesuiti, magari a Gerusalemme”. La nuova Fondazione Carlo Maria Martini è sostenuta dalla Provincia d’Italia della Compagnia di Gesù in partecipazione con l’Arcidiocesi di Milano e con sede a Milano, presso il Centro San Fedele.

“La memoria dei padri è un atto di giustizia”, ha detto il Pontefice. “E Martini è stato un padre per tutta la Chiesa. Anche noi alla ‘fine del mondo’ facevamo gli esercizi con i suoi testi”, ha proseguito. Davanti ai rappresentanti della Fondazione – guidati dal provinciale d’Italia della Compagnia di Gesù padre Carlo Casalone, che ne è il presidente – il Papa ha avuto anche un ricordo personale di Martini, rievocandone il ruolo alla 32esima Congregazione generale dei gesuiti nel 1974, quando fu approfondito il rapporto tra fede e giustizia.

Grande gratitudine verso il cardinale Martini, che Papa Francesco ha ricordato come “profeta e uomo di discernimento e di pace”.

 

30 agosto 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi