Volontariato

Parco Cinque Vette, appello di Max Laudadio per ripulire i sentieri

 

Max Laudadio, fondatore dell'associazione ON

Max Laudadio, fondatore dell’associazione ON

Dopo il successo di Spazzatura Kilometrica e Pulci Famose, eventi che nei mesi scorsi hanno coinvolto centinaia di persone a favore del miglior smaltimento della spazzatura, l’associazione ON lancia una scommessa ed è Max Laudadio, suo testimonial e socio fondatore, a formularla: “Se autorità, aziende e cittadini si uniscono e si rimboccano le maniche, lavorando in prima persona, potranno aiutare l’Ambiente in cui viviamo a risplendere?”.

E così ON risponde con Sentieri Da Vivere, un progetto dedicato ai boschi del Parco delle Cinque Vette, che domenica 1, 8 e 15 settembre vedrà un gruppo di volontari al lavoro sul sentiero che dall’Alpe Tedesco porta in vetta al monte Poncione.

“Ideando questo progetto – continua Max Laudadio – la scommessa da vincere non era solo quella di trovare volontari disposti a lavorare gratuitamente nel bosco, ma ottenere la partecipazione corale di molte realtà che volevamo coinvolgere perché Sentieri da Vivere diventasse davvero un progetto di tutti: l’Università dell’Insubria, la Comunità Montana e le GEV del Piambello, i Comuni e le Protezioni Civili di Valganna e Cuasso con i suoi Alpini, le Guardie Forestali. E la prima vittoria è arrivata subito perché tutti hanno aderito immediatamente con grande entusiasmo.

L’Università dell’Insubria, con il prof. Bruno Cerabolini e i dottori Vito Falanga e Sarah Donini,  ha creato una relazione ad hoc sugli interventi pratici necessari per rendere sani e belli i primi quattro chilometri di Parco che ON intende affrontare quest’anno. “Mettere a disposizione le nostre competenze per iniziative volte a salvaguardare e valorizzare il territorio afferma il prof. Alberto Coen Porisini rettore dell’Università - rappresenta un’opportunità di collaborazione molto importante. Da varesino voglio ringraziare Max Laudadio e l’associazione ON per la passione e la tenacia che dimostrano nel diffondere una cultura rispettosa dell’Ambiente”.

La Comunità Montana del Piambello non solo ha approvato ogni dettaglio della relazione dell’Università ma ha anche messo a disposizione come volontario attivo il suo presidente, Maria Sole Demedio. “La mia è la partecipazione di un semplice iscritto all’associazione ON, con cui condivido l’amore per il nostro territorio. Un dono oltre che un impegno”, dichiara in attesa dell’appuntamento dell’8 settembre, quando sarà impegnata a raccogliere e accatastare ramaglie per favorire la ripresa primaverile delle specie del sottobosco, oltre a rimuovere erbe ed arbusti invasivi ed infestanti come la vitalba, i rovi e il pioppo tremolo.

Anche il sindaco di Cuasso, Massimo Cesaro, presterà le braccia ai lavori sul sentiero, intervenendo alla messa in sicurezza da alberi divelti pericolanti e sistemando i punti di sosta panoramici. A coordinare i volontari saranno le protezione civile di Cuasso e Valganna e le GEV del Piambello, che stanno studiando meticolosamente la relazione del prof. Cerabolini.

Per considerare vinta la scommessa, ON aspetta di tirare le somme sul numero di volontari che si presenterà durante le prime tre domeniche di settembre a dare il proprio contributo per far risplendere il sentiero. Anche i tifosi del Varese Calcio saranno  chiamati a partecipare dall’A.S. Varese 1910 durante la partita casalinga del 31 agosto.

L’invito è rivolto a tutti coloro che hanno compiuto 18 anni e che hanno il desiderio di lasciarsi contagiare dalla bella sensazione del fare. Appuntamento alle 8.15 al parcheggio dell’Alpe Tedesco, dove si formeranno i gruppi di lavoro e verranno distribuite le golose merende offerte dalla pasticceria Bacilieri di Marchirolo. Alle 13.30 è previsto il termine dei lavori con un pranzo offerto dagli Alpini di Cuasso e dalla ProLoco di Valganna con la partecipazione del birrificio Poretti.

Per iscriversi basta una e-mail a oneventi@on-va.it oppure entrare nel sito di ON www.on-va.it.

 

 

 

30 agosto 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi