Varese

Varese, ecco i 500 volontari dei Mondiali di Canottaggio. Giovani ed entusiasti

canottaggioIn vista degli imminenti Campionati mondiali Masters di Canottaggio in programma dal 5 all’8 settembre sul Lago di Varese ieri si è schierato l’esercito degli oltre 500 volontari che saranno un valido aiuto al Comitato organizzatore della manifestazione sportiva che richiamerà l’attenzione di pubblico e  media sulla Città giardino.

Seduti in platea del Cinema Teatro Vela di Varese, gli studenti che supporteranno la complessa macchina organizzativa hanno partecipato con entusiasmo alla iniziativa di ieri. Tanti ragazzi, magliette logate e tanta voglia di cominciare, ma anche genitori ed amici erano accanto ai volontari, perchè in fin dei conti una manifestazione sportiva così importante ha coinvolto un po’ tutti. Una manifestazione che certamente conferma il ruolo centrale del territorio varesino per i grandi eventi sportivi.

Ma se al Vela si poteva respirare la gioia di tanti ragazzi, non è mancato neppure lo spirito manageriale che si muove dietro alle quinte dei Campionati della Schiranna ai quali parteciperanno 3500 atleti accompagnati da 12 mila tra staff sportivi e familiari. “Questi giovani volontari – ha dichiarato il commisario straordinario della Provincia di Varese, Dario Galli – sono la dimostrazione evidente dell’entusiasmo e del gioco di squadra da parte di tutti”. Accanto a Galli, che è presidente del Comitato organizzatore, erano presenti anche l’assessore comunale alla Promozione del territorio,  Sergio Ghiringhelli, il Dirigente dell’ufficio Scolastico Territoriale Claudio Merletti, il responsabile dei volontari Luigi Manzo, lo stilista ideatore delle divise dei ragazzi Massimo Crivelli.

A Paola Della Chiesa, direttore dell’Agenzia del Turismo della Provincia di Varese, una realtà che si sta imponendo sul nostro territorio con la forza delle sue iniziative, il compito di riassumere le caratteristiche del volontariato svolto dai ragazzi. “Saranno circa 40 ragazzi negli info point, ma i volontari saranno anche nei campi gara e a Malpensa per dare il benvenuto ai turisti”. Una presenza importante, che nasce anche dalla collaborazione con la prestigiosa Scuola Europea di Varese, che ha inviato una ventina di ragazzi in grado di parlare tre o quattro lingue straniere.

Un grande ringraziamento è giunto dal comitato organizzatore a tutti questi ragazzi e alle scuole che hanno deciso di puntare, come tante aziende private, su un evento che porterà Varese ben al di là dei confini provinciali e nazionali, significativa prova generale di ciò che Varese, con le sue potenzialità, potrà fare giungendo all’appuntamento di Expo, quando i volontari saranno un vero valore aggiunto.

23 agosto 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi