Locarno

66° Festival di Locarno, Open Doors: ecco i premi al cinema di laboratorio

Piazza Grande a Locarno

Piazza Grande a Locarno

I premi del laboratorio di co-produzione Open Doors, organizzato con il supporto del Dipartimento dello sviluppo e della cooperazione (DSC) del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), sono stati annunciati oggi martedì 13 agosto.

La sessione 2013 di Open Doors, organizzata in collaborazione con l’Industry Office del Festival e con il sostegno dei partner ACE (Ateliers du Cinéma Européen), EAVE (European Audiovisual Entrepreneurs) e Producers Network Marché du Film (Festival de Cannes), è dedicata al cinema del Caucaso del Sud, con un focus su Armenia, Azerbaigian e Georgia. I 12 progetti che hanno partecipato al laboratorio di co-produzione Open Doors del 2013, sono stati selezionati da oltre 100 candidature pervenute. L’obiettivo dei 4 giorni di workshop organizzati durante il Festival è stato quello di aiutare i registi e i produttori selezionati a trovare dei partner finanziatori per completare la produzione dei loro film.

La giuria Open Doors ha selezionato i seguenti progetti, premiati dal Dipartimento dello sviluppo e della cooperazione (DSC) del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), dalla  Città di Bellinzona, da Visions Sud Est, dal CNC (Centre national du cinéma et de l’image animée) e da ARTE:

Premio Open Doors per la produzione 20.000 CHF
See you in Chechnya di Alexander Kvatashidze, Georgia/Francia/Estonia/Paesi Bassi

Premio Open Doors per lo sviluppo 15.000 CHF
Abysm di Oksana Mirzoyan, Armenia

Premio Open Doors per la post-produzione 15.000 CHF
Madona di Nino Gogua, Georgia

Premio ARTE Open Doors 6.000 Euro 
See you in Chechnya di Alexander Kvatashidze, Georgia/Francia/Estonia/Paesi Bassi

Premio CNC (Centre National du cinéma et de l’image animée) 7.000 Euro 
Sleeping lessons di Rusudan Pirvelli, Georgia

Il programma degli Open Doors Screenings presenta una selezione di 22 film dall’Armenia, dall’Azerbaijan e dalla Georgia, che saranno proiettati fino alla fine del Festival. Le proiezioni sono aperte sia ai professionisti del settore che al pubblico.

Premio Carte Blanche 2013
Grazie a un partenariato con CinemaChile e AustraLab di Valdivia e al sostegno della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), Carte Blanche ­– l’iniziativa del Festival del film Locarno destinata a offrire una finestra sui film in fase di post-produzione di un paese, ogni anno diverso, e dedicata quest’anno al Cile ­– ha presentato sette film cileni in fase di post-produzione, ognuno introdotto dal proprio produttore, ai diversi world sales e programmatori di festival che hanno partecipato agli Industry Days.

La giuria della Carte Blanche 2013, composta di Frédéric Boyer, direttore artistico TriBeCa Film Festival (Stati Uniti), Gerwin Tamsma, programmer Rotterdam International Film Festival (Paesi Bassi) e Agustina Chiarino, produttrice (Uruguay), ha deciso di assegnare un premio di 10’000 CHF, finanziato dal DSC e destinato a completare il progetto, a:

To kill a man di Alejandro Fernandez Almendras

“Per la tormentosa e coinvolgente maniera in cui il film confronta lo spettatore con i temi del destino, della scelta e della tragedia nella società contemporanea, mostrando la voce sempre più matura di un importante regista cileno.”

 

13 agosto 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi