Milano

Strage nazifascista di Piazzale Loreto, Milano ricorda le 15 vittime

Il cippo in memoria ai Martiri di Piazzale Loreto

Il cippo in memoria ai Martiri di Piazzale Loreto

Si è ricordato oggi  a Milano la strage avvenuta il 10 agosto del 1944 quando 15 partigiani vennero uccisi per mano nazifascista. In particolare furono i militi repubblichini della famigerata Legione Muti a dare manforte alla strage.

Di fronte al monumento che ricorda le vittime, erano presenti il presidente del Comitato permanente antifascista Roberto Cenati e le associazioni partigiane. E’ intervenuto anche il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, il vice presidente della Regione Mario Mantovani e per la Provincia l’assessore alle Attività Produttive Paolo Del Nero.

“Abbiamo imparato la lezione e difenderemo la libertà, l’uguaglianza, la pace e la solidarietà, principi scolpiti nella nostra Costituzione”, sono state le parole del sindaco Pisapia. Mantovani per il Pirellone ha rimarcato il “valore della libertà e la convinzione che ogni guerra debba essere rigettata”, mentre Del Nero ha osservato che “quelli erano anni di grandi speranze, e dobbiamo fare nostre quelle speranze”. Da parte dell’associazione dei famigliari dei partigiani uccisi da mano nazi-fascista la richiesta di dare vita ad un museo della storia del ventesimo secolo, un luogo di raccolta di documenti e di ricerca scientifica.

10 agosto 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi