Varese

Grazie al film di Sarah Maestri è caccia grossa al libro di Chiara

Sarah Marestri nei panni della protagonista del film Evelina

Sarah Marestri nei panni della protagonista del film Evelina

E’ partita la caccia grossa al libro di Piero Chiara. Impossibile trovare nelle librerie di Varese il volumetto “Il Pretore di Cuvio”, un vecchio Oscar Mondadori che al momento è introvabile in città. Certo, si celebra quest’anno il centenario della nascita dello scrittore di Luino, ma pare che il motivo vero sia la realizzazione della pellicola “Il Pretore” che è stata ricavata proprio dal romanzo introvabile sugli scaffali.

La troupe del film che l’attrice Sarah Maestri si muove silenziosa in città, una presenza segnalata soltanto dai tir della produzione, che ospitano anche i camerini degli attori principali: la stessa Maestri, il protagonista maschile Pannofino. Poi ci sono le sarte, i macchinisti, i truccatori. Prima il set è stato allestito a Villa Zanotti in via Del Cairo, in pieno centro città. Poi lo spostamento fuori Villa Recalcati e, domani, la prima scena di massa in Tribunale. Una produzione che sta suscitando curiosità e interesse tra i varesini, che tutti si sono lanciati alla ricerca del romanzo di Chiara.

Ma niente da fare. Alla Mondadori di via Morosini non c’è. E’ esaurito in catalogo, e dunque ci si attende una ristampa. Stesso discorso vale per Il Libraccio di piazza XX Settembre e per la Libreria Feltrinelli di Corso Moro. “Ne abbiamo due copie prenotate – dice un commesso -, ma per il momento restano annotate come ordine sul computer”. Insomma, è partita la caccia grossa all’Oscar. Senza esclusione di colpi, magari rivolgendosi anche al mercato nero.

1 agosto 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti a “Grazie al film di Sarah Maestri è caccia grossa al libro di Chiara

  1. Paolo Franchini, Varese il 2 agosto 2013, ore 15:14

    Leggete Piero Chiara, film o non film. Fa bene alla salute.

  2. Giuseppe Battarino il 2 agosto 2013, ore 20:32

    Concordo con Paolo Franchini e segnalo che (finalmente) Mondadori ha ripubblicato Vedrò Singapore (con un’imperdibile introduzione di Novelli): l’opera che conclude la vicenda di Piero Chiara romanziere con la narrazione delle sue prime esperienze giudiziarie in Friuli: un eccellente complemento al Pretore di Cuvio

  3. Donato Zoppo il 2 agosto 2013, ore 23:17

    Il romanzo è nei Meridiani, un’opera omnia che merita a prescindere dal film

  4. a.g. il 3 agosto 2013, ore 01:41

    Giusto, ma è piuttosto costosa…

  5. Giuseppe Battarino il 3 agosto 2013, ore 09:23

    la ripubblicazione di “Vedrò Singapore” è – per fortuna – negli Oscar Mondadori

  6. Paolo Franchini, Varese il 3 agosto 2013, ore 11:24

    Con l’occasione, un commento che va forse “off topic”, per parlare come i veri giovani d’oggi: in questi giorni andrò a rileggermi “Il pretore di Cuvio” per verificare quelle che sono le mie impressioni, ma la faccia di Pannofino (ottimo attore, comunque) non la trovo granché calzante al personaggio creato da Chiara.

  7. a.g. il 3 agosto 2013, ore 13:38

    Ecco questo commento mi piacerebbe svilupparlo in vista del film:
    cosa c’azzecca e cosa no la trasposizione filmica (parla come
    nei corsi di cinema) corrisponde al libro….si potrebbe fare
    un bel dibattito…E naturalmente mi aspetto anche l’illuminato
    parere del mitico Battarino…
    AG

  8. Rassegna stampa di agosto 2013 | IL PRETORE il 23 febbraio 2014, ore 21:18

    […] Grazie al film di Sarah Maestri è caccia grossa al libro di Chiara – Varesereport, 1 ago 2013 […]

Rispondi