Regione

Aler, la rivoluzione introdotta dalla proposta targata Patto Civico e Pd

Una vera e propria rivoluzione nella gestione delle Aler è quella che propongono i gruppi consiliari in Regione di Patto Civico e Pd, escludendo ogni ipotesi di agenzia unica regionale.

La proposta delle minoranze prevede 4 Aler al posto delle attuali 13 articolate in Unita’ operative gestionali finalizzate a mantenere un rapporto diretto con i Comuni e i territori. In ogni azienda saranno istituiti un Osservatorio per la trasparenza e la legalita’, una Consulta permanente degli inquilini con funzioni di controllo e monitoraggio oltre che di raccolta dei bisogni dell’utenza, un Consiglio di indirizzo e vigilanza come raccordo tra la Regione e gli Enti locali per la programmazione delle politiche abitative. Il numero dei componenti dei Cda viene ridotto da cinque a tre e per diventare consiglieri si introduce il diploma di laurea.

Per quanto poi riguarda la nomina dei direttori generali, la proposta sostiene che i direttori generali, responsabili della gestione operativa delle Aler, si misurino con i risultati ottenuti sulla base degli obiettivi assegnati”. Inoltre, via la politica dalle Aler, che si trasformano in enti gestionali. La Regione ha il compito di legiferare e finanziare, i Comuni quello di gestire insieme alle Aziende.

24 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi