Luino

Luino, con un arresto stroncato un giro di sostanze stupefacenti

Nell’ambito di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, personale della sezione di polizia giudiziaria del Settore Polizia di Frontiera – Commissariato di Luino ha proceduto all’arresto di G.G., cittadino varesino di 26 anni, poiché resosi responsabile per i reati di vendita e cessione di sostanze stupefacenti, estorsione nei confronti di un minore e di lesioni gravi.

L’esito delle prime indagini ha permesso accertare che il 26 enne è stato il regista di una consolidata e fiorente attività di spaccio di stupefacenti, diretta ad alimentare sia maggiorenni e minorenni del luinese. Lo stesso, ritenuto particolarmente pericoloso e brutale, è risultato capace di atti di grave violenza. Si era specializzato in attività di commercio al minuto di droga, aiutato da amicizie e fiancheggiatori. Per arricchirsi maggiormente aveva anche assoldato con minacce e violenze fisiche  un minorenne obbligandolo alla vendita di cocaina, hashish e marijuana per suo conto. 

Gli accertamenti hanno permesso di constatare che G.G. già nel scorso mese di aprile, presso un esercizio pubblico, dopo una breve discussione senza alcun motivo apparente solo per intimorire i presenti e  per dare una dimostrazione di forza, aveva colpito violentemente con calci e pugni in pieno volto un avventore di un noto pub di Luino. 

Le vendite di stupefacenti documentate dagli agenti e la rilevante quantità sequestrata, nonché l’estorsione nei confronti del minore e le lesioni dolose gravi ai danni dell’avventore, hanno portato all’arresto del 26 enne avvenuto nella mattinata di martedì presso la sua abitazione. Il minore utilizzato dal 26 enne per la vendita di droga, già arrestato qualche mese fa, è tutt’ora affidato ad una comunità per minori. 

Oltre all’arresto di G.G. per i reati menzionati,  sono stati denunciati in stato di libertà all’A.G. altre tre persone per spaccio di sostanze stupefacenti e segnalate amministrativamente alla Prefettura una cinquantina di persone poiché assuntori di sostanze stupefacenti.

19 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi