Musica

Jazz in Maggiore, donne protagoniste sulla sponda lombarda del Verbano

Laura Fedele

Dal 25 luglio al 5 agosto prende il via Jazz in Maggiore 2013, festival che da cinque anni attira un folto pubblico di appassionati sulla sponda lombarda del Verbano. Apertura a Luino, il 25 luglio, al Parco a Lago, location sperimentata con successo già lo scorso anno. Sul palco i Chicago Stompers, la formazione di hot-jazz più giovane d’Italia,  l’unica band della penisola specializzata nel repertorio delle orchestre statunitensi operanti a cavallo tra gli anni ’20 e ‘30 avente un’età media di soli vent’anni. Con 11 musicisti, tra strumenti vintage, abiti in puro stile d’epoca e trascrizioni originali, lo spettacolo è assicurato.

Il 26 luglio al Parco delle Feste di Cittiglio, per la prima volta tra le tappe del festival, è la volta di Oskar Boldre (voce e canto difonico) e Simone Mauri (clarinetto basso), duo nato come luogo di ricerca intorno all’improvvisazione, con un repertorio che va dal jazz alla musica etnica all’improvvisazione radicale. Grazie alla strepitosa intesa tra i due artisti il concerto alterna  momenti di estrema profondità e intensità a momenti di contagiosa ilarità che rendono il concerto adatto anche ai piu piccoli. Boldre è cantante, arrangiatore, vocal trainer, attore e dirige diversi cori polifonici ed ensemble vocali nella regione insubrica.  Simone Mauri, clarinettista di formazione sia classica che jazz, vanta collaborazioni con nomi del calibro di Lester Bowie, Gabriele Mirabassi, Gianluigi Trovesi.

Sabato 27 ci si sposta a Germignaga dove in Piazza Partigiano, cuore del paese, l’eclettica cantante, pianista e compositrice Laura Fedele presenta una panoramica dei progetti musicali via via abbracciati: dal jazz&blues a Tom Waits e Nina Simone,   dalla canzone napoletana a  quella francese. Insieme a lei due musicisti di  significativo spessore artistico, Stefano Dall’Ora al contrabasso e Gio Rossi alla batteria; il risultato è un sound ricco di commistioni e influenze musicali differenti, denso di interplay ed energia creativa. 

Attesissimo il concerto del 3 agosto, a Luino, nel cortile della seicentesca Casa Rossi (di fronte all’Imbarcadero). Protagonista Barbara Casini, cantante, chitarrista e cantautrice tra le più note del jazz italiano e internazionale. L’ artista fiorentina si dedica da più di 30 anni allo studio e alla diffusione della musica popolare del Brasile, paese dove ha soggiornato a lungo conquistandosi la stima dei musicisti che la considerano una vera e propria ambasciatrice della loro musica nel mondo. L’accompagnano due virtuosi della chitarra, Beppe Fornaroli e Roberto Taufic. Quest’ultimo, nato in Honduras e cresciuto in Brasile, sarà impegnato anche la sera precedente, all’Hotel Camin di Luino, alle 19, dove presenterà il suo primo CD di chitarra sola, “Eles & Eu”.  

Il 5 agosto Jazz in Maggiore fa tappa sul Ceresio, con il grande ritorno di uno degli artisti piu’ significativi del panorama jazz americano, Garrison Fewell. Raffinato chitarrista, insegnante presso il prestigioso Berklee College of Music dal 1977, Fewell è presente da decenni sui palchi dei più importanti festival europei e statunitensi. Ha lavorato con i migliori jazzisti, prediligendo l’avanguardia. In questo concerto nella Sala Mostre di Porto Ceresio (lungo lago), il fascino del tango argentino, dalla tradizione a Piazzolla, interpretato da un quartetto di spessore, è a servizio dell’intelligenza improvvisativa di Fewell, non nuovo all’esplorazione di repertori provenienti da altre culture musicali. La serata rientra nella rassegna “Interpretando Suoni e Luoghi” promossa dalla Comunità Montana del Piambello.

Il festival si chiude il 5 agosto a Cerro di Laveno, Museo della Ceramica, con un concerto organizzato grazie al sostegno della Comunità Montana Valli del Verbano. Di scena i Gaia Cuatro, quartetto eccezionale nato dall’incontro tra due dei musicisti più emblematici della scena jazz giapponese e due musicisti argentini particolarmente inventivi della scena europea. Il carattere ardente della musica argentina insieme alla raffinata tradizione  musicale giapponese compongono la materia prima di questo gruppo, con un risultato totalmente inedito ed affascinante. Il gruppo si esibisce spesso insieme al celebre trombettista Paolo Fresu come guest star.

L’Associazione Rinascenze, ideatrice dell’iniziativa con la direzione artistica e organizzativa di Francesca Galante, riconferma la sua capacità di fare rete con il sostegno pubblico e privato e con la volontà di continuare a puntare in alto, proponendo un’altra estate di grande musica. Perchè la crisi si affronta anche con la cultura, l’aggregazione, la promozione del territorio.

Sponsor istituzionali: Città di Luino, Comune di Germignaga, Comunità Montana Valli del Verbano, Comunità Montana del Piambello, Consulta Provinciale Studentesca Varese.

Sponsor privati: Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus, IMF, Rettificatrici Ghiringhelli, Assiteca Broker, Intesa San Paolo, Autoverbano Luino. E con il contributo di: Piante Spertini, Upim Germignaga, Francesco Marmino fotografo, Sportnet, Camin Hotel Luino, VisionOttica Luino.

19 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi