Varese

Varese, il Pd Mirabelli: azzerare indennità di consiglieri, assessori e sindaco

Una seduta del Consiglio comunale: dal capogruppo Pd Mirabelli una proposta condivisibile

Il presidente della commissione bilancio Emanuele Monti (Lega Nord), ieri, ha proposto, per risparmiare, di azzerare il gettone di presenza dei consiglieri comunali. Una proposta-choc che registra oggi giudizi e valutazioni.

Interviene il capogruppo Pd, Fabrizio Mirabelli con una proposta assolutamente condivisibile, e che noi sosteniamo da sempre: nessun compenso per i rappresentanti politici, che devono essere esponenti di quel volontariato civico che già esiste in tanti campi del non profit a contatto con realtà importantissime della comunità civile, dagli anziani ai ragazzi con problemi, ai diversamente abili. Solo copertura delle spese, che devono essere adeguatamente giustificate.

Ma restiamo a ciò che sostiene Fabrizio Mirabelli: ”Dato che Monti è presidente della commissione bilancio, e rappresenta una parte della maggioranza, non possiamo che prendere sul serio la sua proposta. Ci permettiamo solo di ricordare che quando il PD, tempo fa, presentò una proposta identica, Monti e l’intera maggioranza di centrodestra non esitarono a votare contro. Apprezziamo che Monti e la maggioranza abbiano cambiato idea e siamo, naturalmente, favorevoli a discuterne. Ma perché limitarci ad azzerare il gettone di presenza dei consiglieri comunali?”.

Il capogruppo del Pd in Consiglio comunale fa una sua proposta: “Il Consiglio comunale è l’assemblea elettiva che rappresenta tutti i varesini mentre la Giunta non è che un organismo nominato. Azzerando i gettoni di presenza dei consiglieri comunali, otterremmo solo un risparmio di circa 65.000 euro lordi all’anno. Perché non pensare, dunque, ad azzerare anche le indennità di assessori e sindaco? In tale modo si potrebbe ottenere un ben più consistente risparmio di circa 460.000 euro lordi all’anno. Se, poi, aggiungessimo anche le indennità dei presidenti e dei consiglieri di amministrazione delle municipalizzate il risparmio sarebbe ancora più consistente”.

“Ci auguriamo che al presidente della commissione bilancio – conclude Mirabelli – non sfugga l’importanza della nostra proposta che va nella stessa direzione della sua”.

18 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti a “Varese, il Pd Mirabelli: azzerare indennità di consiglieri, assessori e sindaco

  1. Cittadinosuperpartes il 18 luglio 2013, ore 21:57

    Mirabelli a parlato come un autentico comunista erede del grande P.C.I e ha il mio plauso.Ma si sa che il comunismo e’ un’utopia, come il bene comune della nazione, che non alberga nei cuori dei nostri connazionali.
    I politici poi hanno un solo obiettivo mantenere lo status quo del loro portafoglio, difatti tutto e’ rimasto come era compresi stipendi e indennita’

  2. giovanni dotti il 19 luglio 2013, ore 16:51

    Spero che la proposta di Mirabelli non cada nel vuoto ma venga non solo portata in Commissione Bilancio ma anche discussa in Consiglio Comunale. I Cittadini devono esser messi al corrente di quanto ci costano i politici ed i loro nominati nei vari organismi collaterali(Municipalizzate in primis)e sapere chi sono coloro che si oppongono alla proposta di Mirabelli del taglio dei loro emolumenti (che negli ultimi due decenni sembrano esser lievitati eccessivamente). Se lor Signori si ritengono mal pagati perché non si dimettono e lasciano il posto ad altri ??

  3. a.g. il 19 luglio 2013, ore 17:27

    Bravo Dotti: la tua domanda finale è quella che io pongo sempre ai rappresentanti politici che
    lamentano di essere messi alla berlina…eppure non mollano mai la cadrega…

  4. martino pirone il 21 luglio 2013, ore 20:35

    Non riesco a credere a ciò che ho letto ! Ho dovuto rileggere l’articolo. Resto però molto dubbioso che le succitate proposte vadano in porto, ci saranno molti “franchi tiratori”. Spero tanto di sbagliarmi. Un risparmio ancora più grande si avrebbe se un tale progetto venisse adottato anche in Regione, la vera grande mangiatoia d’oro.
    Nino 39

  5. a.g. il 21 luglio 2013, ore 21:08

    Colgo l’occasione per rilanciare una battaglia che Varesereport sostiene da sempre: zero indennità agli eletti dal popolo, solo rimborsi con giustificativi e documentazione. Obiettivo: rappresentare gli elettori nelle istituzioni come attività di volontariato civico. Una battaglia che si può fare partire da Varese, magari con le prossime elezioni comunali…

Rispondi