Varese

Varese, il Camp Rotary si chiude con la regata sul Lago di Varese

I ragazzi che partecipano al Camp organizzato dai Rotary

Anche quest’anno è stato un successo: lo confermano l’amicizia che si è sviluppata tra i ragazzi e il sano spirito agonistico con cui s’accingono ad affrontarsi nella regata che chiuderà il Camp 2013. Ormai è una tradizione, nelle prime due settimane del mese di luglio le acque del Lago di Varese vedono protagonisti giovani provenienti da tutto il mondo che si cimentano nel canottaggio grazie a un’iniziativa voluta e organizzata da sette Rotary Club della provincia: RC Busto-Gallarate-Legnano-Ticino, RC Laveno-Luino-Alto Verbano, RC Sesto Calende-Angera-Lago Maggiore, RC Varese, RC Varese-Verbano, RC Varese-Ceresio e RC Tradate.

Giunto ormai alla sua settima edizione, quest’anno il progetto ha visto protagonisti dodici giovani tra i 16 e i 19 anni provenienti da altrettanti paesi: Australia, Belgio, Francia, Finlandia, Gran Bretagna, Olanda, Russia, Spagna  e Turchia.

Da domenica 7  luglio, quando sono arrivati a Varese per alloggiare al Collegio De Filippi, e fino alla regata conclusiva in programma a Gavirate domani (venerdì 19 luglio, ndr.), questi giovani hanno alternato momenti di formazione e di attività sportiva. Così, mentre al mattino sono stati affidati ai tecnici della Canottieri Gavirate per sviluppare la propria abilità alla voga, nel pomeriggio e alla sera sono stati accompagnati dai Rotary varesini e dalla loro componente giovanile dei Rotaract nella visita delle principali bellezze del nostro territorio. Bellezze architettoniche e ambientali, ma anche imprenditoriali: notevole interesse hanno suscitato gli incontri con alcuni dei gioielli industriali della nostra provincia come gli elicotteri Agusta e le motociclette MV Agusta. 

Varese e il suo territorio si confermano insomma un’area geografica che, quest’anno come nelle precedenti edizioni del Camp, riesce a riscuotere grande attenzione e affascina i giovani protagonisti di questa bella occasione d’incontro. Il tutto in puro spirito rotariano di scambio di conoscenza e amicizia. L’iniziativa varesina s’inserisce infatti in un programma del Rotary International che ogni anno offre ai giovani di tutto il mondo – non solo figli di rotariani – l’opportunità di un contatto con realtà e culture differenti. Un programma che coinvolge come organizzatori oltre un milione di rotariani in 168 paesi.  

Resta da ricordare come l’atto conclusivo del Camp 2013 sarà dedicato alla memoria di Misko Murnick, rotariano che da sempre ha promosso lo scambio giovani come strumento per divulgare la  conoscenza e la collaborazione tra i ragazzi di tutto il mondo.

18 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi