Regione

Regione, Varese senza Pgt la provincia con più cantieri bloccati (689)

“Tra i 1544 Comuni lombardi, sono rimasti solo in 183 a non avere ancora adottato il proprio Piano di governo del territorio. A queste amministrazioni desidero ricordare che Regione Lombardia, se richiesto, metterà a disposizione i propri tecnici per offrire tutto il supporto possibile per realizzare i Piani. La materia è complessa e importante: noi siamo qui per affiancare chi ne ha bisogno”. Lo ha detto Viviana Beccalossi, assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo, facendo il punto a un anno dalla scadenza per l’approvazione definitiva dei Pgt comunali (fissata per il 30 giugno 2014) e a poco più di un mese dall’approvazione dalla Legge 1 sul governo del territorio.

“La nuova Legge – ha ricordato Viviana Beccalossi – ha un obiettivo preciso: garantire al territorio lombardo una gestione equilibrata. Questo provvedimento permette di riavviare investimenti in un settore decisivo per l’economia come quello delle costruzioni”.

L’Ance, l’Associazione nazionale costruttori edili, stima in cinquecento milioni di euro il valore degli oltre tremila cantieri bloccati per assenza di Pgt e che, grazie all’approvazione della Legge, potranno tornare a lavorare.

Si tratta, nel dettaglio di ogni provincia, di 278 cantieri per  Milano, 351 a Bergamo, 313 a Brescia, 497 a Como, 34 a Cremona, 240 a Lecco, 56 a Lodi, 92 a Mantova, 171 a Monza e Brianza, 177 a Pavia, 236 a Sondrio, 689 a Varese.

“Sono certa – ha concluso Viviana Beccalossi – che raggiungeremo l’obiettivo e che tutti i Comuni lombardi avranno il proprio Pgt. Ai Comuni più piccoli, che spesso sono in difficoltà nel reperire personale e risorse per chiudere le procedure, ribadisco quindi tutto il nostro sostegno”.

 

18 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi