Saronno

Saronno, ritorna Enzo Jannacci con lo spettacolo “Prendeva il treno”

Enzo Jannacci

Quando ha debuttato questo spettacolo il grande Enzo Jannacci era ancora tra noi, ora sarà ancora più emozionante ascoltare le sue note e rivivere i personaggi delle sue canzoni sul palco estivo del Teatro Giuditta Pasta di Saronno con Marco Castelli e la sua band.

Venerdì 19 luglio, alle ore 21.30, lo spettacolo “Prendeva il treno per non essere da meno, in ricordo di Enzo Jannacci” sarà presentato al teatro saronnese.  Scritto e ideato da Marco Castelli, con Marco Castelli: voce, pianoforte, chitarra classica, Stefano Gulani: fisarmonica, mandola, organetto, cori, Cristian Furini: contrabbasso, cori, Marco Andrea Carnelli: percussioni, chitarra acustica, cori, e con Gianluca Beretta nella parte di Gigi Lamera.

Spettacolo teatrale in cui si ripercorrono alcune tra le più significative canzoni della carriera di Enzo Jannacci per parlare di emarginazione sociale, della vita in fabbrica e in periferia, di quei personaggi “perdenti” alla ricerca di un riscatto o anche soltanto di una seconda possibilità. Sul palco quattro polistrumentisti, che cambieranno e si scambieranno gli strumenti ad ogni canzone, e un attore.

Partendo dagli arrangiamenti dello storico spettacolo “22 canzoni” che consacrò Enzo Jannacci al pubblico milanese (scritto insieme a Dario Fo nel 1964), si mostrerà sia la grande influenza che Jannacci ebbe sulla canzone d’autore italiana (e le preziose collaborazioni con i più significativi artisti italiani in questo campo), sia il filo rosso che collega quasi tutti i personaggi che popolano le canzoni di Enzo Jannacci. 

ingresso € 5,00

spettacolo all’aperto: cortile del teatro (ingresso da via Varese)

17 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi