Varese

La Goletta del Cigno Verde boccia i Laghi Maggiore e di Varese

La presentazione dei dati a Varese

Cinque punti su otto inquinati sul lago Maggiore, uno su due sul lago di Varese. Imputati principali i torrenti che raccolgono gli scarichi non depurati dei comuni dell’entroterra. È ancora una volta negativo il bilancio del monitoraggio effettuato su questi due laghi del Varesotto dalla Goletta dei Laghi di Legambiente, la campagna nazionale d’informazione scientifica sullo stato di salute dei bacini lacustri, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati) e Novamont.

I tecnici di Legambiente hanno dato la caccia alle situazioni critiche che minacciano l’ecosistema lacustre, focalizzando l’attenzione sui sistemi di depurazione ancora oggi non adeguati alle reali necessità.

Fortemente inquinati, dunque, cinque punti sulla sponda lombarda del Verbano: a Germignaga presso il canale della spiaggia comunale, a Laveno Mombello alla foce del torrente Boesio, a Brebbia alla foce del fiume Bardello, a Ispra alla foce del torrente Acquanegra e ad Angera all’Oasi la Bruschera.

Entro i limiti di legge, invece il fiume Giona a Maccagno, il torrente Monvallina a Monvalle e la spiaggia Nocciola ad Angera dove la segnalazione di uno scarico i tecnici.

“Il nostro compito è quello di individuare le criticità dei bacini lacustri con particolare attenzione, non solo dove sappiamo esserci maggiore afflusso di bagnanti, ma soprattutto dove intravediamo un rischio più elevato di inquinamento, così come viene indicato dal decreto legislativo 116/2008 – spiega Barbara Meggetto, portavoce di Goletta dei Laghi -. Le analisi ci confermano che la maggior parte dei problemi per i laghi del Varesotto continua ad arrivare direttamente dai corsi d’acqua che ancora scontano i ritardi nel collettamento fognario e nella depurazione delle acque”.

Un problema ormai cronico, come dimostra una comparazione tra i risultati delle analisi nell’ultimo quadriennio 2009 – 2012, è sempre risultato fuori dai limiti il punto campionato a Brebbia mentre i punti a Laveno, Ispra e Angera sono risultati fuori dai parametri per 3 volte.

Per quanto riguarda il lago di Varese, risulta fortemente inquinato il canale Brabbia a Biandronno, sul confine con Cazzago Brabbia, che raccoglie gli scarichi provenienti dai Comuni dell’entroterra e della zona del lago di Comabbio oltre che dagli sfioratori di piena. Entro i limiti invece lo scarico sempre a Biandronno, presso il lungolago F. Daverio

“Si conferma la situazione già stigmatizzata negli anni precedenti e non si vedono all’orizzonte cambi di rotta commenta Alberto Minazzi, coordinatore provinciale dei circoli di Legambiente -. Stiamo ancora attendendo di conoscere i tempi di attuazione degli investimenti previsti nel Piano d’ambito. La priorità infatti è il completamento delle infrastrutture fognarie, il vero punto critico della capacità di gestione del territorio da parte dei Comuni. I quali invece continuano ad occuparsi di sviluppare il proprio tessuto urbano sulla base di previsioni ingiustificate di aumento della popolazione e conseguente ulteriore cementificazione”.

Anche quest’anno il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati è Main Partner della storica campagna estiva di Legambiente. “La difesa dell’ambiente, e del mare e dei laghi in particolare, rappresenta uno dei capisaldi della nostra azione”, spiega Antonio Mastrostefano, direttore Strategie, Comunicazione e Sistemi del COOU. L’olio usato è ciò che si recupera alla fine del ciclo di vita dei lubrificanti nei macchinari industriali, ma anche nelle automobili, nelle barche e nei mezzi agricoli di ciascun cittadino. “Se eliminato in modo scorretto – sottolinea Mastrostefano – questo rifiuto pericoloso può danneggiare l’ambiente in modo gravissimo: 4 chili di olio usato, il cambio di un’auto, se versati in un lago inquinano una superficie grande come un campo di calcio”. A contatto con l’acqua, l’olio lubrificante usato crea una patina sottile che impedisce alla flora e alla fauna sottostante di respirare. Lo scorso anno, in provincia di Varese, il COOU ha raccolto 2.204 tonnellate di oli lubrificanti usati.

 RISULTATI DEI CAMPIONAMENTI DEL LAGO MAGGIORE

Lago

Regione

Pv

Comune

Punto

Giudizio
Goletta dei Laghi
2013

 
 

Maggiore

Lombardia VA Germignaga Canale artificiale presso spiaggia comunale

Fortemente inquinato

 

Maggiore

Lombardia VA Laveno – Mombello Foce torrente Boesio

Fortemente inquinato

 

Maggiore

Lombardia VA Brebbia Foce torrente Bardello

Fortemente inquinato

 

Maggiore

Lombardia VA Ispra Foce torrente Acquanegra

Fortemente inquinato

 

Maggiore

Lombardia VA Angera Torrente presso Oasi La Bruschera

Fortemente inquinato

 

Maggiore

Lombardia VA Monvalle Foce torrente Monvallina

Entro i limiti di legge

 

Maggiore

Lombardia VA Maccagno Foce fiume Giona

Entro i limiti di legge

 

Maggiore

Lombardia VA Angera Spiaggia Nocciola

Entro i limiti di legge

 

 RISULTATI DEI CAMPIONAMENTI DEL LAGO DI VARESE

Lago

Regione

Pv

Comune

Punto

Giudizio
Goletta dei Laghi
2013

 
 

Varese

Lombardia VA Biandronno Scarico presso lungolago F. Daverio

Entro i limiti di legge

 

Varese

Lombardia VA Biandronno, confine con Cazzago Brabbia Foce canale Brabbia

Fortemente inquinato

6 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi