Varese

Black & Blue, GaSch Festival e I Ministri, grande musica tra Varese e Gazzada

La presentazione delle iniziative al Twiggy di Varese

A parlare, dietro un tavolo al Twiggy Café, ci sono Francesco Brezzi (Ghost Records), Alessandro Zoccarato (patron di Black & Blue Festival) e Francesca Cioni (GaSch Music Festival di Gazzada Schianno). C’è anche, su una poltrona più defilata, Nicola Oldrini, patron del Twiggy, e ancora più defilati ci sono Giulio Rossini, presidente di Filmstudio 90, ed Elena Emilitri, che dirige l’Informagiovani del Comune di Varese. Una piccola rete di iniziative musicali di qualità, che nonostante la spending review delle amministrazioni locali continuano nel loro cammino.

Tanti appuntamenti che si susseguono nell’estate del nostro territorio. Appuntamenti di qualità che hanno già fidelizzato il loro pubblico, ma che puntano ad allargare la fascia di fans. “Non abbiamo un euro dagli sponsor – dice Brezzi -, ma con passione e competenza costruiamo la nostra proposta, anno per anno”. Punta finale delle varie manifestazioni musicali il concerto “Ministri live” che si terrà martedì 30 luglio ai Giardini Estensi di Varese, con apertura da parte dei ragazzi del Triangolo, una proposta fatta da tutte e quattro le realtà associative presenti oggi (Twiggy, GaSch Music Festival, Ghost Records, Filsmstudio 90), uno dei rari appuntamenti a pagamento (1o euro), che sta già facendo fibrillare la città: il rock live torna ai Giardini. Brezzi assicura che le condizioni di sicurezza saranno garantite puntigliosamente.

Ma prima di questo colpo finale si dipana il cartellone del Black & Blue Festival, dal 10 al 14 luglio, tre appuntamenti al Twiggy. “Siamo arrivati al nostro tredicesimo anno – racconta Zoccarato – e per questa edizione puntiamo sulla contaminazione di stili e popoli diversi”. Partenza mercoledì 10 luglio, al Twiggy alle 19.30 con la presentazione di un libro sul rocker Willie De Ville. E poi alle 21 Andy J. Forest, in versione one-man band. Giovedì 11 luglio, alle 19.30, presentazione del fumetto “Bios – The Cyborgs play the Blues” che, illustrato dal disegnatore Andrea Tomassini, ripercorre il viaggio nel tempo dei The Cyorgs. Poi aperitivo in puro stile New Orleans. Il 12 luglio Adriano Viterbini unplugged alle 21. Poi è la volta dei grandi concerti ai Giardini: sabato 13 luglio alle 21 Daniele Tenca rivelazione del nostro cantautorato blues in versione unplugged e dopo il camerunense Roland Tchacountè. Gran finale, domenica 14, con The Cyborgs il duo underground blues più forte della scena italiana e per la prima volta in Italia , gli Scarecrow, gruppo francese che propone hip hop blues o funky rap.

Altro appuntamento, dal 19 al 21 luglio, è il GaSch  Music Festival che si svolge a Gazzada Schianno, presso il Parco di Villa De Strens. Come rimarca Francesca Cioni, una delle organizzatrici, sezione giovanile della Pro Loco, spiega la filosofia della kermesse, che ha ricevuto, così lei dice, sempre il sostegno e la collaborazione dell’amministrazione comunale. “Cerchiamo sempre di abbinare la band principale con una band emergente di Varese. E di fare pagare un biglietto solo se è proprio necessario”. E così si parte con il concerto dei Marta sui Tubi, il 19 alle ore 22, con Kafka on the Shore (7 euro l’ingresso), poi il 20 i Train to Roots con i Junk Food, e infine il 21 i Selton con gli Amari. Funzionante lo stand gastronomico, molto apprezzato da fans del rock (e non solo).

Cartellone ricco che terminerà con I Ministri ai Giardini Estensi, un ritorno del rock ai Giardini, con il popolo del rock in arrivo e un po’ temuto in città. Una bella proposta, che abbina un sound di vaglia con temi forti qui in Padania, come la critica dei Cpt e l’elogio dell’integrazione razziale. Bene: un segno che Varese si sta svegliando.

5 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Black & Blue, GaSch Festival e I Ministri, grande musica tra Varese e Gazzada

  1. Gianluca il 7 luglio 2013, ore 07:36

    Bella iniziativa ma spero che non ci siano dentro soldi pubblici visto che lo fanno per promuovere un locale privato e l’unico evento in luogo pubblico è a pagamento.

Rispondi