Varese

Varese, si riparla di ex Malerba e Gaparotto Borri. Ma nessuno evoca il Pgt

Sul fronte delle grandi opere i nodi vengono al pettine. Ci riferiamo, in particolare, ai grandi interventi urbanistici e viabilistici che riguardano la città, proprio mentre, dopo aspre polemiche e levate di scudi, nessuno parla più di Pgt.

Comunque, per quanto riguarda uno dei grandi interventi a Varese – insieme a piazza Repubblica col nuovo teatro, l’unificazione delle stazioni, il grande albergo alle Ville Ponti -, ieri si è riparlato dell’intervento dell’ex Malerba connesso poi alla Gasparotto Borri. Il Piano integrato di intervento che riguarda l’ex Malerba, un piano che rientra nell’Accordo di programma regionale, si è riparlato dei ritardi da parte dell’operatore privato. Come ha spiegato l’assessore all’Urbanistica, il leghista Fabio Binelli, il nucleo di valutazione del suo assessorato ha elaborato un Piano economico dell’intervento e lo ha proposto all’operatore privato. “Una nuova modalità – ha spiegato Binelli – che conferma il ruolo attivo del Comune”.

Una proposta di convenzione proposto al privato per sollecitarne l’intervento e arrivare ad una firma che consentirà poi l’esame da parte del Consiglio comunale. Un passaggio importante, dato che riguarda opere viabilistiche che comprendono tre rotatorie, due rampe, un sottopasso ferroviario. Più in generale parliamo di un’area di 8600 metri quadrati, che poi sarà servita dalla Gasparotto-Borri.

Ieri dopo la giunta Fontana si è parlato anche di un altro intervento assai controverso: quello del parcheggio di via Daverio. C’è stata una richiesta da parte della Provincia rivolta al Comune di svincolare il parcheggio dalla palazzina adiacente: questo perché occorre l’agibilità del parcheggio in tempi più stretti, dato che il parcheggio sarà terminato entro l’anno. Meno stringenti i tempi relativi alla palazzina, in cui dovrebbero essere ospitati alcuni uffici della Provincia.

“Nessun passo indietro sul parcheggio a Villa Augusta”, ha dichiarato ieri l’assessore al Biancio, Giuseppe Montabetti dopo la seduta della giunta sul bilancio previsionale. Un’altra opera di dubbia utilità, che è fino ad oggi rimasta ferma. In realtà, spiega ancora l’assessore Pdl, l’opera è coperta in termini finanziari per circa 800 mila euro, ma il vicensindaco e assessore ai Lavori pubblici ha dato priorità ad altri interventi più urgenti, come le scuole. Resta poi il Patto di stabilità, che blocca di fatto la spesa delle risorse per il parcheggio, il cui stop non è certamente una notizia negativa.

 

 

26 giugno 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, si riparla di ex Malerba e Gaparotto Borri. Ma nessuno evoca il Pgt

  1. ombretta diaferia il 26 giugno 2013, ore 18:46

    ma guarda un po’ che caso…
    “svincolare il parcheggio dalla palazzina adiacente: questo perché occorre l’agibilità del parcheggio in tempi più stretti, dato che il parcheggio sarà terminato entro l’anno. Meno stringenti i tempi relativi alla palazzina, in cui dovrebbero essere ospitati alcuni uffici della Provincia.”
    chissà perché non meraviglia le 35 famiglie residenti intorno al parcheggio inutile di via daverio, le stesse ingiustamente sottoposte alle violente sollecitazioni da nove mesi…

    vediam un po’ cosa risponde il Comune? (lo stesso che ha rilasciato la deroga ai lavori anche notturni!)

    visto che non ci indennizza per tutto ciò a cui ci ha sottoposto, senza neppure avvertirci!

  2. Andrea Civati il 28 giugno 2013, ore 11:14

    E’ interessante leggere di continuo delle numerose iniziative di riqualificazione urbanistica preparate dall’Assessore all’Urbanistica e dalla Giunta…
    Peccato che dello stato di tali opere non si sia mai parlato in Commissione Urbanistica e che il PGT sia ormai scomparso dalla discussione nelle sedi competenti. Risale al 14 gennaio l’ultima commissione convocata sul tema.
    PGT che – ricordo – costituisce l’unico documento per definire organicamente e sistematicamente gli interventi urbanistici. Tutto il resto è caos e disorganizzazione.
    “…ruolo attivo del Comune”: un ossimoro.

Rispondi