Varese

Varese, “Social Gusto” ai Giardini, i piatti con la griffe vincono la scommessa

L’operazione Social Gusto, due giorni di cucina nel cuore dei Giardini Estensi, ha preso quota ieri sera. Dopo un mezzogiorno che aveva visto una scarsa presenza di varesini, ieri sera, all’ora di cena, gli stand del grande ristorante open air si è riempito di clienti.

Certamente era una scommessa. Il meteo incerto, il fatto che l’iniziativa affrontava la sua prima volta, la presenza di chef (dieci) che appariva più che altro un abile gesto di marketing, tutto questo sospendeva sull’iniziativa un grande punto interrogativo. E invece, ieri sera, i Giardini si sono riempiti e in tantissimi hanno varcato la soglia di un villaggio fatto di bianche tensostrutture a punta dotandosi  dei coupons con i quali si potevano scegliere i piatti preferiti.

Senza dubbio, rispetto ad altre esperienze precedenti, questa volta il Comune di Varese ha patrocinato una manifestazione molto più di qualità e la gente ha risposto, pur sostenendo una spesa non economicissima (l’ingresso costava 12 euro con una degustazione inclusa, mentre per degustare altro si doveva acquistare un blocchetto di coupons da 20 euro).

Evidentemente Social Gusto, con il suo mix di location, chef, ottimo allestimento,  piatti che consentivano giusto un assaggio delle ricette dei cuochi, ha intercettato un pubblico attento a questo genere di eventi. Un esperimento che conferma come novità e qualità premiano, tanto più se si guarda alla cucina e ai piatti con la griffe.

FOTO

23 giugno 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi