Varese

Se viale Valganna diventa una strada di Bahia. Expo Village vola alto

 

Raffaele Nurra, presidente di Expo Village

Expo Village è stata una realtà che si è impegnata sul grande evento del 2015 prima di ogni altro. Una realtà che, qualche anno fa, sotto una grande tensostruttura montata in piazza Repubblica a Varese, iniziò a guardare al futuro, ai temi di Expo, alle ricadute sul territorio. Ora Expo Village ritorna a Varese organizzando due momenti che, come l’esperienza del 2008, rimette in contatto alcuni temi legati all’esposizione che si terrà a Milano. Ma lo fa con un encomiabile sforzo di leggerezza e intelligenza, shakerando letteratura musica e cibo.

In Comune a Varese, a presentare le due proposte, è intervenuto il presidente di Expo Village, Raffaele Nurra, che su Expo è uno che la sa lunga. Accanto a lui l’assessore alla Promozione del Territorio, Sergio Ghiringhelli. Certamente interessante la tavola rotonda “La Gioia del Convivio verso Expo 2015″, in programma il 25 giugno, alle ore 21, presso il Salone Etense a Varese. Parteciperanno al dibattito il giornalista ticinese Luigi Maffezzoli, lo chef Alberto Broggini, lo scrittore Marco Andreoli e lo sportivo e musicista Marco Caccianiga.

Assai più intrigante il secondo evento, che si svolgerà il 30 giugno, nella sede di Expo Village in viale Valganna, dove Nurra lavora e studia in una vecchia fabbrica ristrutturata con eleganza. Ottimo il titolo “Assaggi di Bahia”, un evento ispirato ad un mitico romanzo (anche se non il più bello) del grandissimo Jorge Amado, scrittore rivoluzionario, una sorta di primo Testori, quello degli ultimi, in salsa carioca. Il romanzo che ha ispirato l’incontro è “Dona Flor e i suoi due mariti”, un romanzo in cui l’amore per la vita e l’amore per la buona cucina fanno tutt’uno.

Il lancio dell’iniziativa è avvenuto in Comune a Varese. Un attore della compagnia teatrale Zimaquò, Andrea Raffo (nessuna parentela con il poeta laureato) ha letto con bravura un paio di brani del romanzo del compagno Amado. Gli attori della compagnia accompagneranno gli ospiti dentro il mondo di Bahia. Poi qualche boccone, qualche manicaretto brasilero, qualche fresca birretta. A fare da sottofondo la Bossa Nova di un gruppo di musicisti (in parte con doppia militanza, qui e nel maroniano Distretto 51) che sono Caccianiga, Giusy Consoli e Luca Fraula. Una formazione che, in versione maxi, si è potuta già ascoltare allo Spazio Lavit, con grande soddisfazione. Difficile prevedere quanto durerà la loro esibizione: il Caccia, se parla di Brasile, è un fiume in piena….

22 giugno 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi