Varese

Varese, Parco Mantegazza: il bagno sporco e distrutto finisce nel mirino del Pd

Il degrado del bagno nel Parco Mantegazza

Il degrado del bagno nel Parco Mantegazza

Da tempo il bagno del parco Mantegazza a Masnago è in uno stato di abbandono e di incuria inaccettabile. A pochi metri da uno degli ingressi del parco, luogo frequentato soprattutto da mamme e bambini, il bagno è un concentrato di degrado: porta sfondata, sanitari ”decapitati”, graffiti all’interno e all’esterno, sporcizia ovunque. Un angolo del parco imbarazzante, che mostra i segni di vandalismi allarmanti.

Un luogo di degrado che ora è diventato anche argomento di una interrogazione urgente firmata dal capogruppo Pd, Fabrizio Mirabelli.

Il consigliere dell’opposizione pone una serie di quesiti al sindaco Fontana, e agli assessori alla Sicurezza e alla Tutela ambientale, rispettivamente il leghista Piatti e il pidiellino Clerici. Tra le domande di Mirabelli, quanto il bagno sia costato ai contribuenti, se fossero al corrente dello stato di “vergognosa incuria” del bagno, come sia possibile che “tali atti di inciviltà possano verificarsi in un parco che dovrebbe essere adeguatamente sorvegliato”, cosa intendano fare per “ripristinare  una situazione decorosa”.

FOTO

30 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, Parco Mantegazza: il bagno sporco e distrutto finisce nel mirino del Pd

  1. Valentina Magagna il 30 maggio 2013, ore 20:23

    io al parco mantegsazza nn ho miatrovato un wc quello che c’era era chiuso….per nn dire di altro perche c’è di mezzo il pd diventa visibile ma vah!!!!!

  2. valerio mambretti il 31 maggio 2013, ore 09:57

    Da nonno che porta il nipotino al parco Mantegazza ringrazio il consigliere Mirabelli per avere sollevato un problema davvero concreto. Da tempo, infatti, noi utenti non possiamo utilizzare il WC che versa in condizioni davvero scandalose. Colpa dell’inciviltà di pochi ma anche del menefreghismo dell’Amministrazione comunale che, a conoscenza della situazione, non ha mai fatto niente per ristabilire un minimo di decenza.

Rispondi