Milano

E’ scomparsa Franca Rame, donna coraggiosa e grande attrice

Franca Rame

Franca Rame

Da tempo ammalata, si è spenta a Milano l’attrice Franca Rame, moglie del premio Nobel Dario Fo. Aveva 84 anni ed era nata a Parabiago. Il 19 aprile dell’anno scorso era stata colpita da un ictus e ricoverata d’urgenza al Policlinico di Milano.

Grande attrice e donna coraggiosa, Franca Rame aveva sposato Dario Fo nel giugno del 1954 nella cattedrale di Sant’Ambrogio.

Partecipò al Sessantotto, sbattendo la porta del circuito ETI e fondando il collettivo Nuova Scena. Ma successivamente Franca e Dario scelsero di radicalizzare il loro progetto teatrale, dando vita a La Comune, una proposta teatrale che portò aria nuova nella scena italiana. Grandi spettacoli suscitarono polemiche e fecero grande scalpore come “Morte accidentale di un anarchico” e “Non si paga! Non si paga” .

Ancora accanto a Fo, Franca sostenne l’organizzazione Soccorso Rosso Militante, sposando l’impegno sociale e politico in maniera netta. Sempre in prima fila nelle battaglie civili, nel 1971 sottoscrisse la lettera apertasul caso Pinelli, l’anarchico morto a Milano dopo essere volato dagli uffici della Questura.

Nel 1973 Franca venne sequestrata da esponenti dell’estrema destra e costretta a subire violenza fisica e sessuale. Ebbe la forza e il coraggio di raccontare tutto in uno spettacolo, “Lo stupro”, del 1981.

Nelle elezioni politiche del 2006 Franca Rame fu eletta senatrice per l’italia dei Valori in Piemonte e sempre quell’anno Antonio Di Pietro la propose come Presidente della Repubblica. Due anni più tardi, l’attrice che alla politica era solo prestata, abbandonò fragorosamente il Senato.

Negli ultimi anni aveva pubblicato l’autobiografia “Una vita all’improvvisa”, scritta a quattro mani con Fo, e con il marito aveva proposto – anche al Teatro Apollonio di Varese – il classico “Mistero buffo”.

 

29 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi