Gallarate

Gallarate, dal Pirellone 150 mila euro al Maga. “Anche il ministro faccia la sua parte”

Il sindaco Guenzani e l'assessore regionale Cappellini

Il sindaco Guenzani e l’assessore regionale Cappellini

Un assegno da 150.000 euro a fondo perduto. Dalla Regione è arrivato oggi un aiuto concreto per la ricostruzione del Maga, il museo di Gallarate colpito, il 14 febbraio scorsa, da un incendio. Cristina Cappellini, assessore alle Culture, Identità e Autonomie del Pirellone, ha visitato oggi la struttura, accolta dal sindaco e dall’assessore al Bilancio della città, dalla direttrice della struttura culturale e da
consiglieri regionali che si occupano della vicenda del Maga all’interno della Commissione Cultura.

Il sindaco Guenzani e l'assessore regionale Cappellini

Il sindaco Guenzani e l’assessore regionale Cappellini

“Il Maga – ha spiegato l’esponente della Giunta regionale – è stata una delle mie priorità fin dai primi giorni del mio insediamento. Si tratta di un’eccellenza del territorio e noi intendiamo sostenerne la rinascita, per sanare quella terribile ferita al mondo della cultura patita dalla città dei due galli a metà febbraio. Per questo motivo al più presto sigleremo una convenzione per il cofinanziamento degli interventi di restauro, auspicando anche l’arrivo di un contributo da parte del Ministero, socio fondatore del Maga”.

Il finanziamento regionale andrà a coprire per circa il 50 per cento la spesa per la bonifica del primo settore interessato dall’incendio. “Regione Lombardia – ha continuato l’assessore – è attivamente impegnata, perché questa eccellenza del territorio riparta e torni a essere luogo di cultura e di incontro”. Il finanziamento di Regione Lombardia consentirà anche di effettuare il trasferimento delle opere d’arte a cura dei dipendenti con un risparmio sul trattamento, da essi attualmente percepito, di cassa integrazione.

“Sono sicura – ha concluso l’assessore regionale al termine del sopralluogo – che il Maga riaprirà e che avrà sempre Regione Lombardia come partner attenta e pronta
a sostenerlo, sia come museo sia come luogo di eccellenza culturale”.

28 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi