Varese

Varese, alberi tagliati in via Dalmazia, la Pd Oprandi vuole capire a che pro

Il consigliere comunale Pd Luisa Oprandi

Il consigliere comunale Pd Luisa Oprandi

Nella seconda quindicina di maggio gli abitanti del rione cittadino di Valle  Olona a Varese hanno assistito all’improvviso abbattimento delle piante che costeggiavano via Dalmazia, strada centrale del rione, dove sono collocati i negozi e dove si svolge la maggior parte dell’attività commerciale e di incontro tra le persone.

Precedentemente vi erano degli ippocastani, che sono stati abbattuti per essere sostituiti dalla piantumazione più recente di pruni selvatici, che fiorivano in primavera e poi donavano ombra al piccolo viale per i restanti mesi estivi e autunnali

Una situazione su cui interviene, con una interrogazione in Consiglio comunale, il consigliere del Pd Luisa Oprandi. “Il rione, già  attraversato dalla tangenzialina che ne ha impoverito l’aspetto – denuncia la Oprandi - si vede ora privato anche di un filare di alberi che, quantomeno, erano utili a creare condizioni di ombra e un minimo di decoro”.

Continua il consigliere d’opposizione: “L’informazione di lavori è stata collocata con  cartelli di divieto di sosta in prossimità del giorno previsto per il taglio degli alberi, senza che nessuno fosse a conoscenza di quali lavori si sarebbero svolti e della motivazione”.

“Le piante tagliate - scrive la Oprandi - sono state poi prontamente sostituite da aiuole riempite di ghiaia. Anzi ne sono state aggiunte anche di ulteriori, in punti che creano disagi alla percorribilità del marciapiede, in quanto interrompono il percorso. Così una mamma con carrozzina, un anziano, un disabile, arrivati a un certo punto del marciapiede, sono costretti a scendervi e spostarsi sulla carreggiata della strada (dove c’è la fermata dell’autobus peraltro) per potere  accedere ai negozi. o per proseguire in situazione di sicurezza il percorso. Analogamente sono anche notevolmente intralciate la discesa e la salita sull’autobus peraltro spesso utilizzato da studenti che raggiungono la scuola media rionale di S. Fermo e da anziani”.

L’interrogazione del consigliere Pd domanda: “Per quali ragioni sono state tagliate tutte le piante ( tutte malate? malate solo alcune?); le aiuole per ora spoglie sono destinate ad accogliere nuove piante ad alto fusto, nel rispetto della fisionomia del rione?; per quale motivo sono state aggiunte due aiuole in punti in cui è evidentissimo il disagio prima descritto? Collocate dove prima c’era passaggio pedonale,  sono state predisposte tenendo conto delle pari opportunità di spostamento che una città deve offrire ai cittadini, soprattutto a quelli in difficoltà?; quanto è costato l’abbattimento delle piante e quali costi si prevedono per la piantumazione di nuove?; l’Assessore all’ambiente e l’Assessore ai rioni erano al corrente dell’abbattimento e come intendono ora restituire decoro al rione? Soprattutto come intendono ridare alla via Dalmazia la parte di verde sottratta all’improvviso e proprio prima dell’estate, quando l’ombra è anche una opportunità di migliore vivibilità?”.

27 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi