Regione

Regione, taglio indennità. Dopo aver pagato 15 milioni quelle della scorsa legislatura

consiglio-regionale-della-lombardiaVariazione al bilancio all’ordine del giorno della seduta di domani del Consiglio regionale della Lombardia. E mentre si annuncia che si entra in una stagione nuova, senza vitalizi e senza indennità di fine mandato, oltre al fatto che si annuncia la nuova legge sui costi della politica, domani arriva in aula una delibera da 15 milioni di euro.

A che servono? Sono previsti dalla delibera proposta dall’Ufficio di Presidenza all’Aula, e servono agli ex consiglieri che ne faranno richiesta di riavere i contributi ai fini dell’assegno vitalizio.

Si tratta di una somma di natura previsionale, basata sulla stima delle risorse che potrebbero essere necessarie qualora tutti i consiglieri che ne hanno diritto optassero per la restituzione. Nei 15 milioni sono comprese anche le indennità di fine mandato riferite alla scorsa legislatura.

Come è noto gli istituti dell’indennità di fine mandato e del vitalizio sono già stati aboliti dalla legge regionale. Una decisione che il Consiglio regionale confermerà anche con la nuova legge sui costi della politica, in procinto di essere discussa e approvata.

27 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Regione, taglio indennità. Dopo aver pagato 15 milioni quelle della scorsa legislatura

  1. Giovanni Dotti il 28 maggio 2013, ore 08:32

    Non caisco perche’ la legge regionale che ha abrogato i vitalizi e le indennita’ di fine mandato non possa essere retroattiva. Il Berlusca ne ha fatte tante per salvarsi da reati gia’ in precedenza commessi !

Rispondi