Economia

Economia, i lavoratori Husqvarna scrivono al super-campione KTM Tony Cairoli. “Aiutaci”

Tony

Tony Cairoli

Oggi 27 maggio 2013 le lavoratrici e i lavoratori dell’Husqvarna di Biandronno (Va) hanno deciso di scrivere una lettera aperta a Tony Cairoli, pilota della KTM e vincitore degli ultimi quattro titoli mondiali di motocross.

A scrivere la missiva sono i lavoratori di un’azienda, l’Husqvarna, che all’inizio del 2013 è stata ceduta (da BMW) e rilevata da KTM soltanto per chiudere, appropriandosi del marchio. Un’operazione che ha comportato l’apertura unilaterale di una procedura di Cassa integrazione straordinaria per cessazione dell’attività che riguarda ben 212 addetti su 240.

Con questa lettera i lavoratori si rivolgono a Tony Cairoli, anche lui italiano, e uomo decisivo, con le sue vittorie, per l’andamento positivo del gruppo KTM negli ultimi anni.

I lavoratori rimarcano che da un lato KTM viene portata al trionfo da un pilota italiano, dall’altro sta tentando una spregiudicata operazione a danno del nostro Paese, su cui vengono scaricati tutti i costi della chiusura aziendale (perdita di capacità produttive e professionali, lacerazione sociale, costo degli ammortizzatori sociali).

I lavoratori pensano che Cairoli, un pilota e campione italiano che con la sua abilità professionale ha valorizzato il marchio KTM a livello mondiale, possa comprendere il loro dramma, aiutandoli a difendere il loro lavoro e la loro competenza  e qualificazione professionale.

27 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi