Varese

Varese, Del Tenno: lunedì riparte cantiere Arcisate-Stabio. “Un’eccellenza lombarda”

Da sinistra, Del Tenno, Galli e Scapolan

Da sinistra, Del Tenno, Galli e Scapolan

Raggiunge in ritardo la sede della Regione a Varese, l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Maurizio Del Tenno. Giunge dal cantiere dell’Arcisate-Stabio, dove l’assessore si è recato, presenti il commissario della Provincia, Dario Galli, sindaci dei Comuni interessati, rappresentanti di Rfi e dell’impresa appaltatrice.

Appena arriva al Pirellino, Del Tenno fa un annuncio importante: “Lunedì il cantiere riparte. Regione Lombardia vuole realizzare l’opera prima di Expo”.

Continua le sue dichiarazioni davanti ad una platea fatta di autorità, amministratori locali, parlamentari europei, nazionali, consiglieri regionali, esponenti del sindacato. Accanto all’assessore regionale, siedono il commissario Galli e il presidente della Camera di commercio, Renato Scapolan. Dice Del Tenno: “Quando sono arrivato io, la situazione dell’Arcisate-Stabio si era fatta drammatica, erano partite azioni legali”. Non manca un pizzico di ironia, nelle parole di Del Tenno: “Prima l’arsenico, poi la cava di idrocarburi, se si va avanti di quest0 passo diventerà un sito nucleare”.

Davanti ai vertici della nostra provincia, Del Tenno ripete che lunedì i cantieri ripartiranno. “L’impresa dovrà lavorare con molta dinamicità, una volta che ha riorganizzato il cantiere”. “Riparte il cantiere, ma tutti devono fare la loro parte”. Del Tenno lancia l’idea di un tavolo con il commissario Galli, i sindaci interessati, le parti sociali.

Poi l’assessore regionale fa una sottolineatura interessante: “Sulle infrastrutture si gioca la credibilità del sistema Lombardia a Roma. Non dobbiamo mettere a rischio l’eccellenza lombarda”.

24 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi