Malnate

Malnate, con il teatro della crudeltà di Artaud chiude la rassegna di Estro-Versi

La bella e brava poetessa Sara Pennacchio

La bella e brava poetessa Sara Pennacchio

L’Associazione culturale varesina Estro-Versi, diretta dalla poetessa Sara Pennacchio, in collaborazione con il Centro Gulliver, il Comune di Varese, e con il patrocinio della Provincia di Varese, presenta l’ultimo appuntamento della rassegna “ColorArti, l’arte colora la vita”. Si terrà domenica 26 maggio a Gurone di Malnate, presso la Forgiatura Patrini, in via Montesanto, 3 angolo Via Ravina.

L’evento partirà alle ore 18 con l’inaugurazione mostra fotografica “Il teatro e il suo doppio”, a cura di Guido Nicoli e Veronica Mazzucchi. Alle 19 l’aperitivo bio-forgia e alle 20.30 sarà possibile assistere a “Ceneri di Artaud”, una performance di fuoco e terra a cura di Guido Nicoli, in collaborazione artistica con Gaetano Blaiotta e Maria Elena Danelli.

A seguire percussioni e danza africana a cura di dell’associazione Griot.

L’evento blu si svolgerà con la collaborazione dell’ officina culturale Forgiatura Patrini di Malnate che metterà a disposizione i suoi spazi per festeggiare la chiusura della rassegna Color-Arti.

L’evento s’aprirà alle ore 18.00 con l’inaugurazione della mostra fotografica “La morte e la grazia” a cura di Guido Nicoli e Veronica Mazzucchi con le suggestioni poetiche  di vari artisti varesini sul tema del “Fuoco e dell’argilla” (Katia Catalano, Salima Martignoni, Giovanni Zappalà solo per citarne alcuni;poesie inedite composte sul tema, raccolte e pubblicate sul sito dell’associazione www.estro-versi.org).

Questa mostra presenta degli scatti fatti negli anni ’90 dagli artisti Fabrizio Garghetti, noto fotografo milanese, Giorgio Longo, videopoeta, e Maria Clotilde Licini. Le performances vedevano coinvolti l’artista Pizzo Greco che, negli spazi aperti, operava come un alchimista con il fuoco, bruciando cataste di fascine appoggiate contro una parete di cemento armato dove erano incassonati dei travi bruciati, costituendo un’opera dedicata a Hiroschima.

A seguire la performance “Il teatro e il suo doppio”a cura dell’artista e performer Guido Nicoli nella quale interagirà con il suo corpo, cospargendosi d’argilla e muovendosi nello spazio naturale o scenico, attraverso rotolamenti, estensioni e chiusure del corpo  dando vita ad un Teatro della Crudeltà di Artodiana memoria. Interverranno alla performance gli artisti Gaetano Blaiotta ed Elena Danelli interpretando il testo inedito “Canto per Artaud” di Guido Nicoli.

Per finire l’associazione di promozione sociale GRIOT ci regalerà  dei momenti indimenticabili con la danza e le percussioni africane.

Durante la serata verrà offerto un’aperitivo ai tesserati Estro-Versi. Ingresso libero.

 

24 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi