Genova

Genova, è morto don Andrea Gallo, fino all’ultimo “prete-contro”

Don Andrea Gallo è scomparso oggi a Genova

Don Andrea Gallo è scomparso oggi a Genova

Dopo alcuni giorni in cui le sue condizioni avevano subito un aggravamento, è morto don Andrea Gallo. Una mortem quella del coraggioso prete di 84 anni, avvenuta a Genova, presso la Comunità di San Benedetto al Porto che aveva fondato a metà anni Settanta per offrire ricovero ed assistenza ai più poveri.

La preoccupazione che aveva destato il suo stato di salute aveva dato origine ad una lunga serie di messaggi, soprattutto in Rete, da parte dei tanti che erano stati conquistati dal coraggio del sacerdote genovese, capace di pagare di persona le sue prese di posizione su grandi questioni etiche e politiche.

Nato a Genova nel 1928, inizia il suo cammino con i salesiani, a Varazze, proseguendo poi a Roma il liceo e gli studi filosofici. Nel 1953 parte in missione per il Brasile, ma poi deve rientrare in Italia per la violenta dittatura.

Nel 1964 don Gallo lascia la congregazione, chiedendo di essere inquadrato in diocesi, ma poi durissimo è lo scontro con il Cardinal Siri, arcivescovo di Genova. Accolto a S. Benedetto, nel 1975 don Gallo dà vita alla Comunità di S. Benedetto al Porto, rivolta agli ultimi.

22 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Genova, è morto don Andrea Gallo, fino all’ultimo “prete-contro”

  1. franco giannanytoni il 23 maggio 2013, ore 16:10

    Vivrà sempre la memoria di questo uomo libero, giusto, saggio. Franco Giannantoni

  2. GIO il 23 maggio 2013, ore 19:08

    Un prete coraggioso e fuori dal coro, assetato di giustizia e liberta’, come dovrebbero essere tanti suoi colleghi succubi invece dell’ipocrisia e del compromesso con le gerarchie ecclesiastiche e con la malapolitica che ha avvelenato l’Italia. Onore all’Uomo e al Sacerdote, che ha sempre espresso senza reticenze il suo pensiero libero, con schiettezza ed onesta’.

  3. ombretta diaferia il 27 maggio 2013, ore 10:19

    porterò nel mondo la carezza che mi hai donato…

Rispondi