Politica

Processo Mediaset, confermata in appello la condanna di Berlusconi

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Conferma della condanna di Berlusconi per i diritti Mediaset. La seconda Corte d’Appello di Milano ha infatti confermatoi 4 anni di reclusione, di cui tre coperti da indulto, per Silvio Berlusconi, accusato di frode fiscale per la compravendita dei diritti tv Mediaset. In aggiunta, è stata confermata anche la pena accessoria dei 5 anni di interdizione dai pubblici uffici.

Dunque conferma della sentenza di primo grado del processo Mediaset, così come confermata l’assoluzione del presidente di Mediaset Fedele Confalonieri. Confermata anche la provvisionale di 10 milioni di euro a favore dell’Agenzia delle Entrate che dovrà versare Silvio Berlusconi in solido con le altre tre persone condannate.

L’ex capo del Governo, imputato di frode fiscale per 7,3 milioni di imposta evasa al netto degli anni coperti da prescrizione, dopo la sentenza di primo grado del 26 ottobre 2012, è stato ritenuto colpevole anche dai giudici di Appello. Con lui condannati gli allora manager di Mediaset Daniele Lorenzano (3 anni e 8 mesi) e Gabriella Galetto (1 anno e 2 mesi) e il produttore statunitense, suo “socio occulto”, Frank Agrama (3 anni).

Ora resta la Cassazione. Berlusconi sarà difeso da un collegio di difesa allargato: agli storici difensori Niccolò Ghedini e Piero Longo si affiancherà, infatti, anche l’avvocato Franco Coppi.

8 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Processo Mediaset, confermata in appello la condanna di Berlusconi

  1. Alessandra Lodovichi il 8 maggio 2013, ore 23:03

    Sig Silvio Berlusconi ho saputo questa cosa sgradevole che non è per niente bella da digerire sopratutto per lei e neanche per me quando lo sentito su di lei questa non ci voleva io sono molto triste per lei e non so più cosa fare qualcosa mi verrà in mente per scagionarla da questa condanna io so che lei è una persona molto bravo e sono molto preoccupata per lei io voglio aiutarla ad uscire da questa cosa brutta dalla giustizia io so che lei è innocente e non na fatto niente di male a nessuno non si deve preoccupare io farò di tutto per lei per aiutarla per uscire da questa scongiura ingiusta tua fan.

Rispondi