Varese

Porticciolo di Capolago, tutti quanti lo vogliono riqualificare

Il presidente dell'Ordine degli Architetti di Varese, Laura Gianetti

Il presidente dell’Ordine degli Architetti di Varese, Laura Gianetti

Reazione positiva, da parte del vertice dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Varese, sul progetto del Comune di Varese che punta a riqualificare il Porticciolo di Capolago. Tuttavia il presidente Laura Gianetti ricorda come l’area interessata al progetto rientri in quella pià ampia che è al centro del concorso di idee bandito, quache giorno prima, dall’Ordine per rilanciare la ciclabile del Lago di Varese.

“Siamo stati piacevolmente sorpresi dalla notizia della riqualificazione del Porticciolo di Capolago – dichiara il presidente dell’Ordine Architetti di Varese, Laura Gianetti -, approvata dalla Giunta comunale a circa una decina di giorni dalla presentazione del Concorso sul Lago di Varese. Si tratta di un’iniziativa pregevole che mira al recupero di un’opera ancora viva nella memoria degli anziani residenti di Capolago, inserita in un’area di grande valenza naturalistica”.

“Peraltro la zona individuata per la riqualificazione – continua la Gianetti – è parte della più ampia area di riferimento del Concorso che, lo ricordiamo, comprende tutto l’anello ciclopedonale che corre intorno al Lago di Varese e le aree circostanti. Non è da escludere quindi la possibilità che qualche partecipante al bando avanzi proposte interessanti. L’area in questione inoltre è già stata al centro di proposte progettuali in occasione del Progetto Diploma “Varese 110 e lode” che nel 2010 ha visto gli studenti dell’Accademia di architettura di Mendrisio impegnati a ridisegnare la Varese del futuro. Gli studenti dell’Atelier Mateus, infatti, si sono confrontati con la precisa condizione topografica delle aree di intervento lavorando intorno al tema dello specchio d’acqua, il disegno di confine fra terra e acqua, l’area di riva delimitata dalle viabilità e da comparti di edificato e vegetazione”.

Dopo queste parole, sorge spontanea la domanda: il Comune era consapevole che l’area del Porticciolo di Capolago rientrava nella più ampia area su cui l’Ordine degli Architetti aveva bandito il concorso di idee?

7 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi