Politica

Sì della Camera al governo Letta. 18 mesi, ma forse sono troppi

camera-dei-deputatiSì della Camera al governo Letta-Alfano. Sì alla fiducia alla Camera con 453 sì, 153 no e 17 astenuti. Fa il suo primo passo il governo grazie ai voti di Pd, Pdl, Scelta Civica e gruppo misto, con la defezione di due soli deputati. Il totale dei parlamentari di questi gruppi ammonta infatti a 455. Astensione, alla fine, della Lega Nord. No, invece, da parte dei 36 di Sel, 109 di M5s e 9 di Fdi.

Il neopresidente Letta ha presentato il suo programma, che trova alcuni punti fondamentali nell’Imu, nell’Iva, nel lavoro, riforme, giovani, crescita. Sul lato riforme costituzionali Letta si è dato 18 mesi di tempo: a partire dalla legge elettorale che è assolutamente da riformare. Un tempo piuttosto lungo, che però dovrà fare i conti con due siluri già puntati contro il governo Pd-Pdl: da un lato il congresso del Pd, dall’altro le sentenze della magistratura in arrivo per Silvio Berlusconi. Dopo il dibattito è arrivata la fiducia. A questo punto la fiducia passa al Senato.

Partenza tutta europeista del premier Letta: sara’ martedi’ 30 aprile a Berlino dalla cancelliera Angela Merkel. Poi giovedì prossimo il premier sarà a Bruxelles, dove incontrerà il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso “a colazione”.

30 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi