Varese

L’Arma alza il tiro contro traffico e uso di stupefacenti

7623d5737e9373acd115d8c3a58d0236Controlli serrati dei Carabinieri del Comando Provinciale di Varese, che hanno intensificato il dispositivo di controllo del territorio, finalizzato alla prevenzione e repressione in particolare dei reati contro il patrimonio. Così, la notte scorsa, sono stati messi in campo oltre 100 uomini, 50 automezzi e 3 Stazioni Mobili.

Il massiccio dispiegamento di forze è stato orientato all’intensificazione dei controlli sulle principali vie e snodi di comunicazione della Provincia con l’effettuazione di posti di controllo in particolare in prossimità dei caselli autostradali dell’A8, delle Stazioni Ferroviarie e di Autolinee, delle zone di confine con la Confederazione Elvetica e delle limitrofe Province di Milano, Novara e Como, con il fine di garantire una “gabbia di sicurezza” dell’intero territorio della Provincia.

Al riguardo, è stato approntato un “piano provinciale dei posti di controllo” che consente di effettuare, all’occorrenza, una più completa cinturazione areale sia della provincia sia a livello territoriale di ciascuna Compagnia Carabinieri, allo scopo di assicurare una idonea cornice di sicurezza sul territorio.

Il servizio straordinario di controllo del territorio ha altresì interessato il controllo sulle persone sottoposte a misure di prevenzione, in particolare i sorvegliati speciali di Pubblica Sicurezza e gli altri soggetti di interesse operativo, ma non solo; sono state passate al setaccio – infatti – le zone della Provincia ove si esercita la prostituzione, specie ai limiti con la provincia di Como e quelli del consumo e spaccio di sostanze stupefacenti, nonché gli stabili dismessi. Le attività hanno altresì riguardato il contrasto all’abuso di alcool, con un occhio di riguardo anche al disturbo alla quiete pubblica e le varie forme di illeciti connesse alla cosiddetta “Movida Notturna”. Anche a tal proposito, il dispositivo è stato integrato da personale in abiti civili del Reparto Operativo, che – dissimulandosi tra la “gente comune” – ha operato in stretto contatto con i militari in uniforme. In questo contesto, sono stati raggiunti risultati di rilievo.

I militari della Compagnia CC di Busto Arsizio hanno proceduto alla denuncia di 5 persone, di cui una persona per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, poiché trovata in possesso di una modica quantità di marijuana e vari strumenti da “taglio” e confezionamento (bilancino di precisione); due persone per guida in stato di ebbrezza; una persona per guida senza patente; una persona per porto abusivo di oggetti atti ad offendere, poiché trovata alla guida con un coltello di genere proibito. Inoltre, sette persone sono state segnalate alla Prefettura di Varese quali assuntori di abituali di sostanze stupefacenti, poiché trovate in possesso di una modica quantità di cocaina e marijuana.

Nell’ambito dei servizi svolti, i militari della Compagnia bustocca hanno proceduto, ulteriormente, all’identificazione di più di 80 persone ed al controllo di circa 50 veicoli, con l’elevazione di 12 contravvenzioni al Codice della Strada.

Nella rete dei Carabinieri di Luino è finito un giovane che, destando sospetto nei militari della Stazione CC di Cuvio, veniva sottoposto a perquisizione sia veicolare che domiciliare all’esito della quale veniva segnato alla Prefettura di Varese quale assuntore di sostanze stupefacenti. Infatti il giovane di Castello Cabiaglio (VA), è stato trovato in possesso di 377 semi di canapa indiana e di un grammo di hashish. N

ell’ambito dei numerosi controlli svolti, 2 esercizi pubblici sono stati oggetto di sanzioni amministrative, per un ammontare di euro 206,00. Nell’area di Ponte Tresa, infatti, in un esercizio pubblico caratterizzato dalla mescita di bevande, i Carabinieri del locale Comando Stazione hanno contestato ad un avventore l’ubriachezza molesta, deferendo il titolare ai sensi dell’ art. 691 c.p. che parla di somministrazione di bevande alcooliche a persone in stato di manifesta ubriachezza.

In nottata, inoltre, si è conclusa positivamente anche la vicenda di un uomo di 70 anni che era scomparso dal pomeriggio di ieri dalla propria abitazione di Brenta (Va). A dare l’allarme erano stati, in serata, presso il comando Arma di Laveno Mombello, il nipote e la moglie. Dopo un’intensa attività di ricerca, condotta per tutta la notte, l’uomo veniva trovato ad Omegna dai Carabinieri di Verbania. Le attività d’individuazione dei Carabinieri li avevano infatti condotti – in prima battuta – fino a Laveno e Cerro dove l’uomo sembrerebbe sia stato avvistato prima di traversare – sicuramente con un battello di linea – il Lago Maggiore. L’uomo è stato trovato in stato confusionale e immediatamente affidato alle cure dei medici e dei parenti .

Intense anche le attività dei Carabinieri del Comando Compagnia di Varese che in questo fine settimana hanno potenziato i servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione ed al contrasto ai reati predatori ed al monitoraggio della circolazione stradale attraverso una programmazione di servizi perlustrativi nelle zone maggiormente esposte a rischio.

Nel corso dei controlli i militari della Stazione di Besozzo hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Varese un 51enne della zona per minaccia aggravata; quest’ultimo infatti, per futili motivi, aveva minacciato un conoscente con una pistola poi rivelatasi giocattolo, priva di tappo rosso, venendo rintracciato e successivamente bloccato dai militari prontamente intervenuti.

A Varese, a seguito dei controlli alla circolazione stradale, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia hanno deferito in stato di libertà per “guida in stato di ebbrezza” un giovane 27enne sorpreso alla guida di autovettura con un tasso alcolemico superiore a quello consentito dalla legge pari ad 1,19 gr/L, con conseguente sottrazione di 10 punti patente e contestuale ritiro della stessa.

A Porto Ceresio e Cuasso al Monte, nell’ambito dei mirati controlli tesi a contrastare i reati in materia di stupefacenti, i militari della Stazione Carabinieri di Porto Ceresio hanno segnalato alla Prefettura di Varese quali assuntori di sostanze stupefacenti due giovani, un 22enne ed un 37enne, trovati in possesso di complessivi gr. 15 di marijuana. Ad uno dei due, ai sensi dell’art. 75 bis, veniva anche ritirata la patente.

Nel complesso, nel corso delle attività condotte nell’intero arco notturno, sono state controllate 450 persone e 235 veicoli, mentre oltre 20 sono state le aree dismesse monitorate.

 

27 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi