Varese

Scritte fasciste, Franco Stasi (Cgil): mai abbassare la guardia

Franco Stasi, segretario generale della Cgil di Varese

Franco Stasi, segretario generale della Cgil di Varese

Forte intervento del segretario generale della Cgil di Varese, Franco Stasi, sulle scritte neofasciste tracciate il giorno del 25 Aprile sui muri della sede del Pd di via Monte Rosa.  “Dopo le forti e giustificate polemiche seguite all’autorizzazione del concerto a Malnate il 20 aprile per ricordare il ventennale della nascita del gruppo skin a Varese – dichiara Franco Stasi -, registriamo ora un altro gravissimo episodio con le scritte inneggianti alla Repubblica Sociale Italiana apparse sui muri della sede del Partito Democratico di Varese, in concomitanza con le celebrazioni del 25 aprile”.

Continua il ledaer della Cgil di Varese: “Ritengo che si tratti di episodi gravi, da non sottovalutare in alcun modo. Queste provocazioni vanno denunciate pubblicamente da tutte le forze politiche, istituzionali e associative. Non si deve abbassare la guardia! Mai! La CGIL stessa è stata oggetto in passato di gravi provocazioni, con scritte apparse in alcune nostre sedi inneggianti a rigurgiti nazifascisti”.

“Le sedi dei partiti, le associazioni, i sindacati  – rimarca Stasi – sono storicamente presidi di democrazia dei cittadini, luoghi che andrebbero sempre salvaguardati e rispettati. Ritengo che il nostro territorio non meriti tali offese ai valori fondanti della convivenza civile sanciti anche dalla nostra Costituzione, che rifiuta tutte le forme di razzismo e intolleranza che stanno alla base del nazifascismo”.

Conclude Stasi: “La CGIL di Varese condanna fermamente quanto è avvenuto, invitando tutti alla massima vigilanza. Nel contempo esprime la più sentita solidarietà al Partito Democratico di Varese e ai suoi militanti”.

26 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi