Varese

Varese guarda all’Expo, il 7 maggio meeting alle Ville Ponti

expo (2)Accogliere Expo in modo organico e strutturato così che rappresenti davvero un’occasione di sviluppo per il territorio. Per massimizzare i benefici a favore del Sistema Varese di un evento di rilievo mondiale, come la grande Esposizione Universale che si terrà a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre del 2015, la Camera di Commercio avvia un programma capace di rendere una “squadra unica” le diverse realtà economiche e istituzionali del territorio così da coordinare al meglio le iniziative locali.

Un programma che verrà presentato durante un meeting che si terrà al Centro Congressi “Ville Ponti” martedì 7 maggio e che si declinerà secondo cinque linee d’intervento: informare sulle opportunità collegate a Expo, attrarre gli insediamenti temporanei delle delegazioni straniere, facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, esporre e valorizzare la presenza imprenditoriale varesina e coordinare l’accoglienza turistica.

 

Come ente che, sulla base di un’indicazione regionale in vista dell’Esposizione Universale, è chiamato a mettere in rete le imprese e far dialogare realtà pubbliche e private, la Camera di Commercio varesina punta a “organizzare” il territorio alla luce delle opportunità collegate al grande evento con l’intento di offrire un “catalogo” strutturato di prodotti e servizi. Un’Expo che, nell’arco di 180 giorni, si pensa possa portare nell’area di Rho-Pero, a non più di dieci chilometri dalla provincia di Varese, circa 20 milioni di persone: 120mila visitatori quotidiani, con punte fino a 160mila.

Tocca al Sistema Varese fare in modo di sfruttare questa situazione unica per intensificare le proprie relazioni bilaterali economiche, scientifiche e culturali con gli oltre 150 Paesi di tutto il mondo che saranno presenti. Una situazione che, oltretutto, potrà dare visibilità ai prodotti di un’area, come quella varesina, che già esporta il 35% dei beni creati dalle sue aziende: di questi, il 59,4% sono classificati a elevato contenuto tecnologico, contro una media della Lombardia del 45,8%. Prodotti creati soprattutto da quelle piccole e medie imprese che rappresentano l’asse portante della nostra economia. Durante la giornata del 7 maggio alle Ville Ponti saranno proprio alcune di queste aziende a interloquire insieme ai rappresentanti della società Expo per confrontarsi sul miglior approccio al grande evento del 2015, declinato alle luce delle cinque linee operative già indicate.

 

Nel frattempo è operativa sul sito della Camera di Commercio www.va.camcom.it l’iniziativa “Diteci la Vostra su Expo”: per comprendere al meglio la percezione del territorio rispetto all’Esposizione Universale, la Camera di Commercio offre a imprese, cittadini, istituzioni e associazioni la possibilità di rispondere a poche, brevi domande. L’obiettivo? Declinare al meglio le aspettative e le idee innovative che stanno prendendo corpo a livello locale. Un modo semplice e immediato per avere un feed-back da parte di tutti.

 

23 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi