Busto Arsizio

Segretario Giovani Democratici: a Busto? Nessun Occupy Pd

cropped-bandiere-giovani-democratici1Pubblichiamo una lettera del segretario dei Giovani Democratici del Bustese, Paolo Pedotti, che commenta le iniziative di questi giorni:

Abbiamo aderito all’iniziativa “simbolica” OccupyPD in occasione della direzione provinciale convocata il 18 aprile a Gallarate in un’ottica di cambiamento e di rinnovamento positivo delle idee interne al PD.

Un cambiamento che non vuole essere anagrafico, ma di contenuti. E’ importante saper distinguere quelli che sono stati gli errori di una segreteria nazionale, che si è già dimessa, da un percorso positivo portato avanti dai Giovani Democratici del Bustese con la segreteria e le figure istituzionali cittadine. Proprio per questo non si è tenuta alcuna iniziativa neppure “simbolica” OccupyPD a Busto Arsizio.

Infatti tra i Giovani Democratici e la segreteria cittadina del PD, di cui faccio parte, è presente un dialogo costante attorno a tutte le questioni politiche interne e esterne.

In particolare è stato determinante il nostro coinvolgimento nella campagna elettorale che ha portato Busto Arsizio ad eleggere un senatore del Partito Democratico a rappresentanza dell’intera coalizione Italia Bene Comune e a consentire al Partito Democratico di divenire la prima forza politica cittadina in termini di voti espressi dai cittadini (dati regionali).

Proprio grazie alla partecipazione alla campagna elettorale il gruppo dei GD si è allargato e oltre ai 18 iscritti “storici” se ne sono aggiunti tanti altri.

A questi e quanti altri siano desiderosi di aderire rivolgo l’auspicio personale che vengano coinvolti nel processo di collaborazione con il Partito bustocco all’insegna di un rinnovamento basato su abilità ed esperienza da acquisire nel tempo senza che nessuna nuova adesione sia motivata dagli antagonismi in atto oggi tra Partito e giovanile a diversi livelli.

Il segretario del circolo GD Bustese

Paolo Pedotti

23 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi