Regione

Comuni senza Pgt, dal Pirellone ennesima deroga fino al 30 giugno

240px-PirelloneLa Giunta regionale ha approvato la proposta di Progetto di legge che riguarda i Comuni della Lombardia che si trovano nella situazione di aver solo avviato (218) o adottato (337) il Piano di governo del territorio (Pgt).

Il documento, presentato dall’assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Viviana Beccalossi, prevede che questi Comuni regolarizzino la loro situazione e indica nella data del 30 giugno 2014 il termine ultimativo per concludere le procedure. Il Progetto di legge prevede altresì che, qualora lo ritengano necessario, i Comuni possano contare sul sostegno e la collaborazione dei tecnici della Regione o della loro Provincia per redigere il Pgt.

Il Progetto di legge sarà differenziato secondo il ‘grado’ di avanzamento dell’iter del Pgt dei Comuni. L’iter prevede, infatti, una prima fase di avviamento, l’approvazione e l’adozione. Terminati questi passaggi, il Piano di governo del territorio, che riguarda i 1.544 Comuni lombardi, può considerarsi effettivo.

“A tale proposito – ha sottolineato l’assessore Beccalossi – ho ritenuto importante e doveroso incontrare subito e personalmente gli assessori provinciali che si occupano di questa materia, per condividere un percorso, che abbia nella concretezza il motivo portante del nostro lavoro. Così come mi sono confrontata con l’Anci, l’Associazione nazionale Comuni italiani e con l’Ance, l’Associazione nazionale Costruttori edili, che hanno valutato positivamente il modo di procedere. Il nostro obiettivo principale è di regolarizzare la situazione complessiva e dotare tutti i Comuni di uno strumento di pianificazione moderno e omogeneo”. Ora il provvedimento passa al vaglio del Consiglio regionale, che dovrà valutarlo e approvarlo definitivamente.

“Questa proposta – ha concluso l’assessore Beccalossi -, in un periodo di grave crisi come quello che stiamo vivendo, ha anche una valenza economica. Infatti nei Comuni interessati sarà possibile porre in essere una serie di interventi fino a oggi bloccati, che daranno una boccata d’ossigeno ai settori produttivi di competenza e al relativo indotto che gli stessi potranno generare sui singoli territori”.

16 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi