Canton Ticino

La Lega ticinese espugna il Comune di Lugano. Merito di Bignasca

Lugano

Lugano

Successo della Lega dei ticinesi alle elezioni comunali di Lugano. Si verifica così il sorpasso del partito liberal-radicale, mentre seguono socialisti e democristiani. La principale città del Canton Ticino registra così la storica sconfitta dei liberali, che da decenni esprimevano il sindaco, Giorgio Giudici, che era anche il principale candidato liberale. La Lega ha raccolto il 35,5% dei consensi, con un salto del 7% rispetto alle elezioni precedenti.

 
A questo punto è probabile che primo cittadino diventi il leghista Marco Borradori, un esponente leghista più moderato rispetto a Giuliano Bignasca, fondatore della Lega dei ticinesi, leader molto popolare scomparso lo scorso 7 marzo, ma ugualmente presente in lista, e che ha raccolto in questo turno elettorale più di 9000 preferenze. 
 
Una vittoria, quella della Lega ticinese, che si è verificata sullo sfondo di campagne contro i frontalieri italiani che si sono verificate in Canton Ticino, portate avanti da forze politiche diverse. Non si possono dimenticare i frontalieri che sui manifesti venivano  paragonati a topi, e che oggi continuano ad essere giudicati una presnza eccessiva sul mercato del lavoro locale. Campagne politiche che hanno contribuito a rendere rendere ancora più tesi e complicati i rapporti tra Svizzera e Italia.

15 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “La Lega ticinese espugna il Comune di Lugano. Merito di Bignasca

  1. gould il 17 aprile 2013, ore 21:35

    continuate a portare soldi,a far benzina,e acquisti in ticino,fate arricchire i ticinesi…questo è il risultato!!povera patria!!!

Rispondi