Varese

Gesù ai Giardini Estensi. Recuperata rappresentazione slittata per maltempo

OLYMPUS DIGITAL CAMERANon gradiscono che si parli di spettacolo: preferiscono che si parli di una sacra rappresentazione. Era in programma, sempre ai Giardini Estensi, nei giorni pasquali, ma il meteo allora era stato inclemente. La “Passione di Cristo” è stata messa in scena solo ora, nel caldo della prima domenica di bel tempo e di sole. Tanti i varesini che si sono presentati puntuali per assistere alla rappresentazione che, con tante comparse, attori, centurioni a piedi e a cavallo, ha riproposto gli ultimi giorni della vita di Cristo.

Un evento organizzato dalla Basilica San Vittore Martire, Comunità Pastorale S. Antonio Abate, con la collaborazione del Comune di Varese. A mettere in scena le vicende sacre l’associazione “Non solo Teatro della Valbossa”. L’associazione è impegnata dal 2000 nel proporre queste messe in scena, e lo fa in maniera assolutamente volontaria. Gli attori non sono professionisti, i costumi (tranne quelli dei centurioni romani, che sono stati affittati) sono stati realizzati da loro, così come gli allestimenti scenici. La stessa compagnia aveva proposto, sul sagrato della basilica varesina, L’Ultima Cena.

Grande la partecipazione di comparse e attori. Il servizio d’ordine era garantito da Angeli Urbani, Protezione Civile e Polizia locale. Tra gli attori troviamo anche il consigliere pidiellino Stefano Crespi, che veste i panni di Erode Antipa, che fece decapitare Giovanni Battista e che giudicò Gesù, nei giorni della Passione, prendendosi gioco di lui.

Suggestivo l’inizio della sacra rappresentazione ai Giardini Estensi, con la diffusione delle parole di Papa Wojtyla.

FOTO

14 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi