Varese

Un cestino di pensieri colorati per la prof del Manzoni scomparsa

Il Liceo Manzoni a Varese

Il Liceo Manzoni a Varese

Si svolgeranno con ogni probabilità giovedì 4 aprile i funerali di Cristina Basili, la professoressa di lettere e latino del Liceo Manzoni di Varese, scomparsa in seguito ad un improvviso malore. E con ogni probabilità si svolgeranno nella parrocchia di Valle Olona nelle ore del pomeriggio, per consentire a studenti e professori di partecipare  alla cerimonia funebre.

Una messa funebre che, c’è da prevedere, registrerà una grande affluenza, proprio per la stima e l’amicizia di cui godeva l’insegnante, impegnata sul fronte del volontariato con la sua presenza all’interno dell’associazione Emergency.

Molti i preparativi dell’ultimo addio a Cristina, preparativi che vedono impegnati studenti e colleghi. A partire dalle letture: verrà proposto il capitolo tre del Qoèlet, quello che recita “c’è un tempo per nascere e un tempo per morire”, un brano che Cristina amava molto, e che sarà letto da un’amica in chiesa. I ragazzi hanno scritto le intenzioni della Preghiera dei fedeli, toccando temi che riguardano l’insegnante scomparsa, dall’insegnamento alla grande voglia di giustizia.

Fuori dalla chiesa sarà posto un cestino e dei foglietti colorati, sui quali sarà possibile lasciare un pensiero per Cristina. Al momento dell’offertorio il cestino sarà portato all’altare, insieme al pane e all’uva. Sarà letta anche la preghiera di San Bernardo alla Vergine, contenuta nel 33° Canto del Paradiso di Dante. Ci sarà anche l’immagine di Cristina con parole, dedicate alla morte, di Khalil Gibran, poeta, pittore e filosofo libanese particolarmente amato dall’insegnante.

A celebrare la messa sarà Don Guido Villa, che recentemente aveva colloquiato con Cristina sui temi della giustizia e della solidarietà.

2 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi